Gatto obeso nuota per perdere peso

Chi ha detto che i gatti odino l’acqua? Dalle parti della Virginia, negli Stati Uniti, un simpatico gattino si tuffa in piscina e nuota per ore. E non per divertimento, bensì per perdere peso, su proposta dei suoi proprietari. Se sia una forzatura o meno non è dato ben sapere, ma il micio non sembra lamentarsene troppo, smentendo così tutte le leggende sui felini.

>>Scopri Wheels, il gatto più obeso del mondo

Holly è un gatto di 13 anni e pesa più di 9 chili. I veterinari, per garantigli una vita e una vecchiaia più che serena, hanno ordinato ai proprietari di incrementarne l’attività fisica fino a perderne almeno 4. Ma Holly non ne vuole proprio sapere di muoversi: se ne sta tutto il giorno appisolato su una poltrona, incantato dalla TV, tanto che nemmeno topolini o altre prede sembrano distrarlo. Finché un giorno non si è scoperta la sua passione per l’acqua.

La proprietaria Dani Lawhorne, per casualità dipendente di una struttura per il benessere degli animali domestici, ha scoperto l’avvio di alcuni corsi di nuoto per animali. Così ha deciso di coinvolgere il suo Holly: è stato un successo. Più volte alla settimana il micio si esercita in nuotate di 30 minuti, avvolto da una speciale pettorina-salvagente affinché in immersione non succeda nulla. E se nella vita di tutti giorni il gatto è goffo e lento a causa del suo corpo appesantito, in acqua è diventato un vero e proprio campione, tanto da battere in velocità anche i cugini cani. I liquidi non lo spaventano: immerso nella piscina appare sereno, come se l’acqua fosse il suo elemento di elezione.

>>Leggi dei cani e dei gatti a rischio obesità

Il problema dell’obesità di cani e gatti è particolarmente sentito negli ultimi anni: con la crescita del benessere in famiglia, sono aumentati anche i casi di cuccioli fin troppo nutriti. Il peso forma è un’obbligo per entrambe le specie, perché il minimo grasso in eccesso può portare a serie patologie cardiache, gastrointestinali e neurologiche, accorciandone sensibilmente la vita.

1 febbraio 2013
Fonte:
Lascia un commento