Il vostro è un cane agile e scattante, dedito all’agility e alle corse nei prati? Oppure avete un gatto che ama sonnecchiare comodamente adagiato sul divano del salotto? Immaginate siano i partecipanti di una gara di velocità, fianco a fianco ai blocchi di partenza, chi potrebbe vincere la corsa? Il cane perché più agile o il gatto, che invece tradisce un animo sportivo?

>>Scopri le idee per un giardino estivo a misura di gatto

Nonostante l’indole pigra e indifferente, nonostante accolga il vostro rientro a casa con lo stesso entusiasmo di una tigre davanti a una ciotola di broccoli, il gatto è di gran lunga il più atletico tra i due. In una corsa a due riuscirebbe a tener testa al cane, superandolo e tagliando il traguardo per primo. Ma vista la conformazione più piccola, cuore e polmoni risultano meno resistenti rispetto a quelli di Fido. E in un confronto maratonistico, cioè di resistenza, cederebbe subito il passo al compagno di gara.

Osservare la corsa di un gatto è una vera fortuna, una rappresentazione artistica della forza e della bellezza della velocità felina. Dal corpo agile, scattante, sfrutta tutti i suoi 500 muscoli costituiti da cellule a contrazione rapida. I suoi sono scatti, guizzi, slanci possenti e rapidissimi. La sua conformazione fisica gli consente di creare meno attrito possibile con il terreno, e durante la corsa riesce ad appoggiare giusto la punta della zampa.

>>Segui le aperture serali dei parchi milanesi

Le dita dei piedi sono costituiti da tendini robusti, mentre la flessibilità della colonna vertebrale gli garantisce di contrarre e distendere il corpo per un allungo più poderoso. Lo slancio in avanti è più elegante e il movimento è più rapido. Ovviamente la situazione potrebbe cambiare se messa a confronto con razze canine specializzate nella corsa, come ad esempio i Levrieri. Ma il gatto sostanzialmente, come dimostrano le vicende del quotidiano, rincorso da un cane riesce a darsi alla macchia sfuggendo al pericolo con raffinatezza.

23 maggio 2013
I vostri commenti
mariella, venerdì 24 maggio 2013 alle6:30 ha scritto: rispondi »

I gatti sembrano sonnecchiare, ma hanno uno scatto incredibile. Ho osservato i miei.

Lascia un commento