È l’ennesima storia di maltrattamenti e incredibile violenza, quella che giunge dagli Stati Uniti e ha come protagonista un gatto. Il felino, però, è riuscito a sopravvivere all’aggressione subita, dimostrando una grande forza di recupero. È quando accaduto in Utah, dove un micio dal manto nero è stato ferito da un colpo di arma da fuoco al capo.

Il tutto è accaduto nella cittadina di Ogden, dove lo scorso 12 aprile una coppia di proprietari ha rinvenuto Blackjack, il loro gatto nero, in condizioni preoccupanti. Steso sul pavimento del garage di casa, infatti, l’animale perdeva sangue dalle fauci. Immediatamente trasportato presso un centro veterinario, le indagini ai raggi X hanno svelato come il quattro zampe fosse stato colpito da un proiettile, con dei frammenti anche importanti conficcati nel capo.

Trasportato immediatamente in sala chirurgica, l’intervento di rimozione ha avuto fortunatamente esito positivo: il gatto nero è stato salvato, sebbene sia stato necessario l’impianto di una placca di metallo per ricomporre la mascella dell’animale, gravemente compromessa dal colpo d’arma da fuoco.

I proprietari non hanno alcuna idea sul possibile aggressore, anche perché il gatto pare fosse conosciuto e ben voluto in tutto il vicinato. Le istituzioni locali stanno indagando alacremente sul caso, per scoprire al più presto il responsabile di questa violenza, mentre la sezione locale di Humane Society ha promesso una ricompensa di 3.000 dollari per chiunque possa fornire delle informazioni utili al riconoscimento del malintenzionato. Qualora il responsabile venisse scoperto, rischia non solo una pesante multa, ma anche l’eventuale incarcerazione. Negli USA, infatti, gran parte degli stati ha da tempo adottato norme e misure molto severe per il maltrattamento degli animali, domestici e non. Nel frattempo, il gatto in questione ha già ottenuto una certa popolarità sui social network, dove i navigatori si sono complimentati per la sua incredibile resistenza e dove in molti ora chiedono giustizia.

18 aprile 2016
Immagini:
Lascia un commento