Non risulterà di certo una sorpresa per i tanti proprietari di animali domestici: gli amici a quattro zampe non disdegnano rovistare nell’immondizia o scavare nel terreno, a volte anche ingoiando i risultati della loro forsennata ricerca. Per quanto si tratti di un comportamento abbastanza normale, tale da non destare particolari preoccupazioni, qualora diventi continuo e abituale può essere necessario un checkup veterinario. È quanto suggeriscono gli esperti dalle pagine del Washington Post, in particolare quando si parla di gatti.

Il consiglio nasce dalla richiesta di una lettrice che, da qualche tempo, ha notato il comportamento singolare del suo gatto. Il felino, infatti, sembra essere molto attratto dal terriccio di un vaso di fiori e, nonostante la proprietaria abbia spostato i contenitori e protetto il tutto con dei sassolini, il quadrupede ha comunque trovato un modo per ingoiare porzioni rilevanti di terreno.

=> Scopri perché il gatto si lecca di continuo


Il veterinario Michael W. Fox ha spiegato come, di norma, questo comportamento sia normale per cani e gatti. La geofagia, ovvero l’abitudine di ingerire terriccio e altri componenti del suolo, nella maggior parte dei casi serve agli animali per conoscere l’ambiente. Di solito, l’azione si limita a livello gustativo e olfattivo, senza un’effettiva ingestione della sostanza annusata o leccata, ma non capita di rado gli animali decidano di inghiottire sostante tutt’altro che commestibili.

=> Scopri perché il gatto rifiuta l’acqua


Qualora il comportamento fosse continuo, quasi compulsivo, l’esperto consiglia un checkup veterinario, poiché l’abitudine potrebbe sottendere a un deficit nella dieta o, ancora, a qualche patologia non ancora scoperta. Ad esempio, in caso di problemi digestivi o infiammazioni di stomaco e intestino, i quadrupedi sono spontaneamente spinti a ingerire sostanze estranee, sia per stimolare il vomito che la defecazione. In genere preferiscono erbe, ma non capita di rado si lanciano alla scoperta del terreno. Inoltre, l’istinto di ingoiare oggetti solidi come sassolini potrebbe ostruire il normale transito, generando conseguenze gravi.

Naturalmente, non vi è motivo di inutili allarmismi, proprio perché a fare la differenza non è l’atto in sé, bensì quanto questo sia ripetuto.

10 maggio 2017
Lascia un commento