Ha conquistato i social network grazie a una caratteristica davvero insolita: delle gambe lunghissime, tanto da ricordare un cartone animato giapponese. Protagonista delle ultime tornate di condivisioni virali è un gatto australiano, ospitato da un rifugio locale. Data la grande curiosità suscitata proprio dai social media, il felino è riuscito a trovare una nuova casa, tramite un’amorevole adozione.

La storia del gatto, una femmina, è stata raccontata sulla piattaforma Reddit, da parte dell’utente McPokie, il quale ha voluto condividere con i lettori alcuni scatti del singolare quadrupede. La micia, un esemplare di soli due anni, è stata salvata da un rifugio australiano, così come già accennato. Non è dato sapere molto della sua storia, se non l’aspetto elegante dell’esemplare: la gatta può infatti contare su quattro zampe davvero lunghissime, di parecchi centimetri oltre la media dei comuni felini domestici.

=> Scopri il gatto salvato dalla vodka in Australia


Chiamata Quenda, la gatta pare abbia terminato da poco lo svezzamento dei suoi cuccioli e, pertanto, è stata sottoposta a sterilizzazione e iscritta nelle liste per l’adozione. Dopo aver conquistato le attenzioni di oltre 66.000 utenti di Reddit, per l’animale sono tuttavia giunti dei nomi alternativi scelti proprio dai social. Fra i tanti, “Slendercat” e “Edward Scissorpaws”, in onore dei noti personaggi del cinema caratterizzati proprio da un’incredibile magrezza e per lunghissimi arti inferiori.

=> Scopri il gatto dittatore divenuto virale


Dopo aver ammirato la condivisione sui social network, in molti si sono candidati per adottare il quadrupede Quenda, così da offrirle una casa calda, un futuro sereno e moltissimo amore. Sfortunatamente per i tanti desiderosi di poter adottare la gatta, l’utente McPokie ha specificato come l’animale abbia già trovato una nuova abitazione, nonché conosciuto i suoi nuovi proprietari. Tanti ora sperano che la gatta diventi protagonista di un account Instagram o di una pagina Facebook, così da seguirne le evoluzioni nel tempo.

25 luglio 2017
Fonte:
Via:
Lascia un commento