È disperatamente alla ricerca di una famiglia che si prenda cura delle sue esigenze, eppure il carattere decisamente sui generis non gli ha mai permesso di far colpo su un possibile adottante. Per questa ragione, il rifugio che lo ospita ha deciso di confezionare per il gatto in questione un simpatico annuncio, tramutandolo in un vero e proprio “felino dittatore”. Quanto basta per rendere Mr. Biggles – questo il nome dell’esemplare – virale in tutto il mondo.

Dal manto completamente nero e dallo sguardo severo, sembra che il gatto non possa contare su un carattere fra i più accomodanti, tanto da allontanare potenziali adottanti. Eppure, nonostante qualche manifestazione poco garbata, Mr. Biggles è pronto a donare e ricevere tanto amore. La Cat People di Melbourne, in Australia, ha quindi deciso di sponsorizzare il micio come il gatto “despota e dittatore”, nella speranza che l’effetto virale possa aiutarlo nel trovare una casa.

=> Scopri i gatti neri abbandonati per i selfie


Può sembrare bellissimo con il suo manto nero scintillante e i suoi grandi occhi gialli… ma fate attenzione. Se non gradirà quello che state facendo vi darà un morsetto! A volte non disdegnerà di colpire anche i vostri piedi. Dipende da quello che riuscirà a raggiungere. Il gatto ama le coccole, ma fatte secondo il suo volere, e si siederà sulle vostre gambe solo quando lo vorrà. E se l’accarezzamento non fosse all’altezza dei suoi standard, potrebbe mordicchiarvi.

Non è però tutto, poiché l’annuncio mette anche in evidenza la singolarissima, ma irresistibile, concezione dell’universo di questo maestoso esemplare felino. Ribattezzato per l’occasione, dato il suo aspetto regale, Lord Bigglesworth:

=> Scopri le curiosità sui gatti neri


Lord Bigglesworth ritiene di essere giunto su questa Terra per essere un elemento ornamentale, ma soprattutto per essere adorato dai suoi schiavi umani!

Sembra che l’intento virale abbia avuto gli effetti sperati e, dopo essere rimbalzato da un angolo all’altro dei social network, pare che in molti si siano fatti avanti per un’adozione definitiva.

23 maggio 2017
Fonte:
UPI
Lascia un commento