Un evento davvero anomalo quello occorso ai vigili del fuoco del Winchendon Fire Department, in Massachusetts negli USA, i quali hanno dovuto liberare un gattino da una situazione di vero stallo. Il felino, forse incuriosito dalle frequentazioni delle fogne o dai canali di scolo, aveva deciso di vagare per i sotterranei della cittadina. Magari attirato da qualche squittio persistente, ma terminato il suo viaggio aveva deciso per ritornare in superficie. L’ignaro felino non aveva calcolato bene spazi e fessure ed era finito incastrato nelle grate di un tombino. Troppo strette per il suo corpicino, anche se minuto, tanto da rimanere bloccato a metà strada con relativa fatica respiratoria.

La curiosità, come recita un proverbio inglese, può uccidere il gatto, ma se si persevera il risultato è a portata di mano. Ed è ciò che devono aver pensato sia il proprietario che i pompieri che, con delicatezza, hanno sollevato la grata con il felino agganciato a essa. Quindi con lentezza e cura hanno posizionato il micio in posa verticale, permettendogli di sedersi senza stress sorreggendo al contempo la grata. Per liberarlo, lo staff ha lavorato con molta attenzione e gentilezza, per impedire che il gatto patisse. L’utilizzo di un po’ di sapone, nel dettaglio detersivo per piatti, si è rivelato risolutivo dopo essere stata spalmato intorno alla testa e collo del micio.

E proprio grazie a questa procedura il piccolo è finalmente sgusciato fuori dalla trappola riprendendo possesso di tutto il suo corpo. I pompieri gli hanno dedicato un po’ di tempo per calmarlo e tranquillizzarlo, per poi affidarlo al legittimo proprietario. Una storia a lieto fine quindi, che gli stessi pompieri hanno voluto condividere attraverso la loro seguitissima pagina Facebook. Il proprietario ha voluto confermare l’andamento positivo post salvataggio, pubblicando una foto del suo adorato felino. Il gattino, ancora umido per il detersivo eliminato accuratamente con acqua, è apparso un po’ imbronciato ma sicuramente sano e salvo.

19 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento