È un’impresa davvero singolare, nonché una testimonianza di tenacia e coraggio, quella che giunge dalla Russia e vede come protagonista un piccolo gatto di colore bianco. Il felino, caduto in un gelido fiume, non ha infatti voluto cedere alla corrente: senza farsi perdere d’animo, l’animale ha attraversato a nuoto il corso d’acqua, fino a trovare la salvezza sulla sponda opposta.

Il tutto è accaduto lungo le rive del fiume Sura, nel distretto russo di Bolchebereznikovsky, dove alcuni dipendenti di un’azienda vicina hanno udito dei miagolii provenire in lontananza. Osservando con attenzione, e riprendendo la scena armati di smartphone, i presenti hanno potuto notare una macchia bianca in mezzo al fiume, quel che poi si sarebbe rivelato un gatto.

=> Scopri il gatto ritrovato senza vita e mutilato


Non è dato sapere come l’animale sia finito nelle fredde acque, tuttavia il felino ha dimostrato un’enorme tenacia, combattendo la corrente fino a giungere alla sponda opposta del fiume. L’animale sembra abbia nuotato ininterrottamente per decine e decine di metri, fino a trovare la salvezza. Non si esclude l’esemplare possa essere un randagio, poiché avvistato nei pressi di un’area verde completamente disabitata.

Le acque dei fiumi possono rivelarsi particolarmente pericolose per gli animali di piccola taglia, proprio perché la corrente tende a essere sempre del tutto sostenuta, tanto da renderne impossibile il recupero. Il fatto che l’animale sia quindi riuscito a tenere testa allo scorrere del Sura, ne dimostra ulteriormente la sua forza.

=> Scopri il gatto che non abbandona la tomba del proprietario


Immediatamente recuperato dopo l’impresa, il candido gatto è apparso stanco e provato, ma comunque in buone condizioni di salute. E, grazie alla sua impresa da perfetto nuotatore, ha scaldato gli animi dei molti dei presenti: dopo averlo incitato e coccolato, nonché provveduto ad asciugarlo e a fornigli qualche premio alimentare, il piccolo micio ha infatti trovato un’adozione definitiva.

18 ottobre 2017
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento