Arriva dall’Inghilterra l’ennesima vicenda di intolleranza, sia nei confronti degli uomini che degli animali. Un attivista per i diritti della comunità gay ha subito l’uccisione del suo gatto domestico, una minaccia per costringerlo ad allontanarsi dal suo quartiere di residenza a Swansea, nel Galles.

Andrew Davies, chief executive dell’associazione LGBT Unity Group Wales, per oltre un anno e mezzo ha subito le più svariate vessazioni dai vicini di casa, tanto da essere costretto a trasferirsi altrove. Così come afferma ai microfoni della BBC, l’uomo quotidianamente ha ricevuto lettere d’odio nella normale posta, a cui si sono aggiunti anche dei bigliettini fatti scivolare sotto la porta principale della sua abitazione, con cui i vicini lo hanno intimato di allontanarsi perché gay, quindi pericoloso per la “normale crescita dei bambini” del quartiere.

Determinato a non lasciarsi impaurire da questi comportamenti incomprensibili, la situazione è degenerata quando degli anonimi hanno deciso di prendere di mira il gatto domestico dell’uomo, torturandolo e uccidendolo. Non è però tutto, perché per rivendicare l’atto, i colpevoli hanno ben pensato di inoltrare all’attivista un singolare messaggio di cordoglio. Una condizione di costante minaccia e derisione, che si sarebbe estesa anche ai social network e che avrebbe reso impossibile per l’uomo – discriminato perché attratto da persone dello stesso sesso – condurre una normale esistenza. E sul caso si è pronunciato anche Jeffrey Hambley Cuthbert, Ministro per le comunità e la lotta alla povertà nel Galles.

Sottolineando come i reati d’odio – non solo a stampo omofobico – siano in netta crescita nella regione, il Ministro ha inaugurato nuovi strumenti per l’aiuto alle vittime, come una help line telefonica aperta 24 ore su 24, assistenza legale e dei fondi economici di supporto. Il tutto per portare nel Galles un “cambiamento culturale” che possa partire dall’inclusione e dalla tolleranza reciproca per migliorare la qualità di vita delle persone. E, come in questo caso, anche dei loro animali.

13 maggio 2014
Fonte:
Lascia un commento