Per gli amanti dello sport e per quelli costretti a perdere peso, la presenza di un cane in casa è un aiuto fondamentale: la routine della passeggiata è un incentivo a smaltire le calorie in eccesso. Che sia una camminata veloce o una corsa, Fido potrebbe certamente dividere con il proprietario fatiche e compiti. Al contrario l’immagine classica del gatto non prevede sforzi eccessivi, oltre al sonnellino sul cuscino del divano. Spesso viene snobbato anche l’incoraggiamento a giocare con qualche pupazzo o filo colorato, appositamente sventolato davanti al muso del micio.

Eppure lo stesso felino potrebbe rivelarsi un aiuto molto valido per la lotta contro la sedentarietà, basterà catturare la sua attenzione trasformando il tutto in un momento di caccia. Risvegliare quindi il suo istinto da predatore, stuzzicando curiosità e voglia di raggiungere l’obiettivo. Importante agire durante i momenti di maggiore energia fisica per il micio, come ad esempio la mattinata, per sfruttare completamente la sua agilità e la voglia di muoversi. Un’idea interessante potrebbe risultare quella di legare alcune piume colorate a un filo e quindi a un bastoncino lungo. Sventolando le piume verso il gatto, per poi ritirarle velocemente, si catturerà la sua attenzione. Dopo un primo momento conoscitivo lanciatevi in una corsa in cerchio per circa 15 minuti, blanda ma costante, così da farvi seguire dal vostro amico e contemporaneamente fare attività fisica. Una pausa potrà servire a riprendere fiato e riposare, per poi ricominciare.

Lanciare il gioco preferito da Fufi lungo il pavimento aiuterà a tonificare braccia e coordinare i movimenti, possibilmente alternando le braccia nel lancio. Non solo, anche un percorso di agility casalingo potrà aiutarvi a fare del fitness: potrete ricrearlo con attrezzatura standard oppure realizzarlo facilmente con scatole, pedane e stoffe. Concludete ogni passaggio con un croccantino per incentivare il gatto a proseguire nel movimento. Le idee potranno rivelarsi molteplici e tutte utili come ad esempio alcuni allungamenti e movimenti yoga coordinati con un puntatore laser da direzionare verso il muro, mentre il gatto cercherà di raggiungere la luce sarà possibile eseguire le sequenze.

Ma anche creare piccole torri o zone per le arrampicate sfruttando la voglia del gatto di raggiungere le parti più alte, muovendo una bacchetta con un filo sopra la sua testa. E per concludere, solo per i più pratici e con un buon rapporto con il felino di casa, sarà possibile fare una passeggiata o una corsetta portando il gatto a guinzaglio. Oppure inserendolo in un trasportino con ruote o passeggino per sfruttare la fatica data dalla spinta, mentre il gatto si potrà godere il tour sonnecchiando.

29 ottobre 2014
Fonte:
Lascia un commento