Tabby Natasha può contare su un equilibrio fisico senza pari: la gatta, ora diciannovenne, possiede 7 dita per le zampe anteriori e 5 per quelle posteriori. Una sorta di piccolo record, una particolarità che posiziona la piccola micetta subito dopo il gatto Tiger, vero detentore del primato. L’ex randagia dal pelo rosso viveva per le strade di New York prima di incontrare la sua attuale proprietaria, Shirley Belwood, emigrando fino a Wimborne, nel Dorset in Inghilterra. Nonostante avesse già 9 anni, la piccola si è subito ambientata nel nuovo nucleo familiare.

La sua particolare forma fisica è una condizione piuttosto rara, le sue zampe appaiono leggermente più grandi, con un numero maggiore di dita: 6 in più rispetto alla media felina. Questo però la rende forse leggermente più goffa rispetto ai suoi simili e, come sostiene la proprietaria, non sempre riesce ad afferrare i giochini per gatti.

Quando viveva nella zona dell’Upper West Side a New York, la donna aveva scoperto la piccola Tabby Natasha mentre miagolava sotto alla sua finestra, intenerita l’aveva fatta entrare in casa. Da allora le due non si erano più lasciate e, dopo 10 anni di convivenza, si è creata una forte affinità, un grande legame.

La gattina convive con altri due felini, ma è molto più indipendente e autonoma. Preferisce la calma e la tranquillità, nonostante possieda diversi interessi e appaia piuttosto curiosa. Ma ora che ha 19 anni e il diabete, preferisce una vita più pacifica e ritirata, lontana anni luce dalle difficoltà date dalla vita randagia. Seguita e curata da un centro veterinario, la piccola è molto amata anche dagli stessi medici. Nonostante la particolarità delle 24 dita, il record di Tabby Natasha è stato superato da quello di Tger, gatto canadese con 27 esemplari. Questa curiosa condizione spesso porta a difficoltà fisiche: le dita e le ossa si possono fondere insieme creando forti problemi agli stessi micetti. Noti anche come i gatti di Hemingway, questi felini hanno trovato spazio anche nei testi dello scrittore che ne divenne un grande fan.

27 febbraio 2015
Fonte:
Lascia un commento