Non si può dire che la curiosità non sia uno dei tratti caratteristici dei gatti, soprattutto in tenerissima età. Ed è proprio l’irresistibile attrazione per l’esplorazione che ha tratto in inganno un gruppo di quattro gattini, di sole due settimane di vita: nati nei pressi di un’azienda di mobili, hanno trovato rifugio in una scatola vuota, poi posta all’interno del vano di un camion. Peccato, però, che nessuno si sia accorto della loro presenza, tanto che i cuccioli sono stati loro malgrado costretti a un tour d’Europa di oltre 1.000 chilometri.

Il tutto è accaduto qualche settimana fa quando, all’arrivo di autotrasportatore in Inghilterra, il gruppo degli affamati mici è stato rinvenuto. Ben 1.000 chilometri percorsi, partendo dalla Polonia, passando per Germania, Francia, Belgio e molti altri paesi del Vecchio Continente.

=> Scopri il gatto chiuso 36 giorni in una scatola


Secondo le ricostruzioni, i quadrupedi si sarebbero nascosti all’interno di una scatola vuota, presso un’azienda di mobili di Zarow, in Polonia. Il contenitore era stato pensato per bloccare gli altri pacchi all’interno di un camion, evitando gli stessi potessero cadere durante il tragitto, ma nessuno sembra essersi accorto della presenza degli animali prima della spedizione. Al momento di scaricare la merce, i gattini sono stati immediatamente consegnati alle cure della RSPCA, affamati ma in buone condizioni di salute.

=> Scopri i gatti sigillati in una scatola


Al momento, i veterinari stanno provvedendo a tutte le cure del caso, anche perché gli animali sono ancora molto piccoli e, di conseguenza, devono essere alimentati continuamente in assenza della loro mamma. Chiamati Bjorn, Benny, Agnetha e Anni-Frid in onore degli ABBA, considerato come il loro ritrovamento sia stato concomitanza con la settimana dell’Eurovision Song Contest, fra qualche mese saranno dichiarati adottabili. Nel mentre, si cerca di capire se nel luogo d’origine esista qualche gatta in cerca dei suoi pargoli ma, al momento, nessun felino sarebbe stato identificato.

19 maggio 2017
Fonte:
UPI
Lascia un commento