Gatti che vivono in casa: 5 idee per renderli sani e attivi

Il gatto è un animale che ama sonnecchiare durante il giorno, propendendo per attività più tranquille e rilassanti. Ma la solitudine prolungata, data dall’assenza del proprietario impegnato sul posto di lavoro, può rendere la routine un po’ troppo noiosa e priva di stimoli. Dedicargli del tempo di qualità è molto importante, così da mantenere attivo il suo interesse e la sua curiosità, preservando fisico e salute. In particolare per impedire che sfoghi stress e nervosismo sugli arredi di casa, dirottando invece la curiosità su altre attività salutari e divertenti. Ecco come rendere più sana e felice la vita casalinga del proprio gatto.

Attività e gioco

Giocare con il gatto di affezione, trasformando ogni pratica casalinga in un’attività ludica, potrebbe accendere la sua curiosità e il suo interesse. Fufi potrà rincorrere palline di stoffa, gomitoli, topolini di panno e seguire un bastoncino manovrato dal proprietario, ma anche giocare con l’aspirapolvere e la scopa. Basta dedicare del tempo di qualità da trascorrere con lui, permettendogli di svagarsi e sfogare lo stress accumulato magari giocando a rincorrersi per casa. Pochi gesti utili a rendere sereno il tempo vissuto e condiviso insieme.

=> Scopri perché giocare fa bene al gatto


Spazio personale

Coppia di gatti

Il micio deve poter accedere ad alcuni spazi della casa a lui dedicati come la lettiera, da sistemare in bagno o in una stanza apposita e tranquilla, dove lui possa entrare senza timore. Ciotole per cibo e acque dovranno stazionare in un altro angolo della casa, magari in cucina, dove possa nutrirsi con calma, senza fretta e pressioni. Fino all’utilizzo di un cuscino, una cesta personale, collocato in una stanza tranquilla così da poter godere del riposo senza distrazioni e disturbo alcuno.

Alimentazione

Una dieta corretta rende il gatto sano, in salute, e impedisce l’accumulo di chilogrammi e grasso malsano. Meglio non eccedere con porzioni e croccantini, quindi con cibi forniti fuori pasto. Il gatto deve poter seguire un regime alimentare preciso, composto da due pasti forniti a distanza di tempo (8-12 ore di distanza) seguendo le indicazioni e i consigli del veterinario.

=> Scopri i consigli per l’alimentazione del gatto


Cura personale

Gatto e carezze

Proteggerlo con un antiparassitario impedisce la proliferazione di parassiti, pulci e zecche, e la probabilità di ammalarsi. Fufi deve poter contare su una serie di cure veterinarie di routine, come controlli e vaccinazioni, quindi toelettature specifiche con il supporto di un esperto e spazzolate casalinghe, grazie all’utilizzo di guanti appositi o spazzole da impiegare con cura. Inoltre dovrà risultare iscritto all’anagrafe, possedere il chip d’ordinanza ed eventualmente un collarino con nome e numero di telefono. Un’accorgimento utile in caso di fuga e smarrimento.

Socializzazione

La presenza di un secondo gatto potrebbe rendere le giornate più gioiose, implementare la voglia di muoversi, correre e giocare, così da scacciare il demone della solitudine e della tristezza. Due gatti possono sostenersi a vicenda rendendo più interattivi e collaborativi i momenti scanditi dall’assenza del proprietario.

20 marzo 2018
Immagini:
Lascia un commento