Un tavolo parco giochi per gatti

Design e amore per i gatti possono convivere? Pare proprio di sì: è quello che ha decretato il creativo e designer Ruan Hao. L’uomo ha realizzato CATable, un originale tavolo da lavoro dove è possibile combinare creatività, necessità organizzative e attività ludiche per il micio di casa. Ruan arriva dal gruppo di architettura LYCS, con sede in Cina nelle città di Hangzhou e Hong Kong. Proprio dall’interazione creativa e il brainstorming con il team è nata l’idea per l’incredibile progetto.

L’articolo di grande eleganza è stato presentato al recente Salone Internazionale del Mobile, incuriosendo compratori e addetti ai lavori. Di certo non è passato inosservato: le sue forme sinuose, l’estrema lavorazione di pregio, hanno incuriosito particolarmente i visitatori. L’idea di un supporto da condividere con il proprio amico di casa rende il tavolo molto intrigante. I fori presenti all’interno del secondo livello di CATable permettono al micio di avventurarsi seguendo i cunicoli creati, assecondando i classici movimenti e la curiosità del gatto.

Fufi può giocare, muoversi, sonnecchiare ed esplorare senza interrompere il lavoro del proprietario. Il computer risulterà separato e appoggiato sul piano superiore, mentre il gatto continuerà nella sua attività di ricerca. L’idea vincente permette a proprietario e gatto di condividere la stessa stanza, lo stesso spazio, lo stesso tavolo, senza che il gatto interrompa il lavoro o si annoi. Come sostiene Ruan Hao:

I fori creati nel tavolo sono del formato idoneo alla struttura fisica del gatto, oltre che tentazioni irresistibili. È un tavolo per noi, un paradiso per i gatti.

La decisione di reinventare casa propria in misura dei propri quadrupedi non è nuova, ognuno nel proprio piccolo cerca di agevolare spazi e convivenza. Ma c’è chi ha ridisegnato l’intera abitazione per amore dei propri felini, come è accaduto a un misterioso proprietario che ha trasformato la sua abitazione in California in un incredibile parco giochi felino.

23 aprile 2014
Fonte:
Lascia un commento