Un piccolo e singolare villaggio è stato creato nel quartiere di Doyran a Konyaalti, in Turchia, dove i gatti randagi possono sfruttare il benefico effetto di uno spazio riparato e caldo. L’associazione Askoder, che si occupa di proteggere e sfamare i felini di strada con il supporto di molti volontari di zona, ha preso in affitto un vasto terreno. A scegliere la metratura è stato Mehmet Okan, a capo dell’associazione, in tandem con la moglie, decidendo per un campo di duemila metri quadrati. Un’area davvero ampia e comoda, dove sorgono mini abitazioni in legno isolate e protette. Alcune spiccano per i colori vivaci, come una piccola comunità dove al centro vi è una piazza virtuale: un’area di gioco e svago per i felini.

A far partire il progetto è stata la coppia che, dopo aver venduto l’auto e alcuni oggetti non più utili, ha investito i soldi nella costruzione della piccola community. Il team si occupa personalmente di preparare il cibo per tutti gli ospiti del villaggio, grazie anche al supporto di molti negozi a tema del posto, pronti a offrire umido e crocchette. Ovviamente il gesto è esteso anche a molti cani abbandonati che transitano per la città, quindi i felini ancora allo stato brado. Per il momento, i residenti sfiorano le cento unità, in prevalenza esemplari bisognosi di riparo perché anziani e malati. Ma anche gatte in procinto di partorire, quindi alla ricerca di un luogo protetto e salubre.

=> Scopri tutto sui randagi in Turchia


Il piccolo prodigio è frutto dell’ostinazione dell’uomo e della moglie che, nonostante la burocrazia, ha dato vita al rifugio. Ma anche alle donazioni di molti animalisti e sostenitori che hanno ceduto personalmente legname, acciaio, pitture, pennelli, attrezzature, quindi panchine, amache e tutto ciò che ha reso possibile il progetto. Lo stesso Mehmet invita la cittadinanza a donare supporti e quello che può risultare indispensabile per il villaggio, anziché soldi e donazioni economiche. Il risultato è visibile e molto gradito dagli stessi ospiti, finalmente al caldo e al sicuro.

23 gennaio 2017
Lascia un commento