Le fusa del gatto rappresentano una delle manifestazioni più piacevoli dell’affetto dei felini, un linguaggio unico ed efficace per comunicare emozioni di goia e soddisfazione. Un singolare rumore che ha già dimostrato, così come alcune ricerche hanno sottolineato negli ultimi anni, degli effetti benefici per la salute dell’uomo, tuttavia non solo limitate all’interazione con i proprietari. I gatti domestici, infatti, fanno le fusa anche quando lontani dalle figure di riferimento, anche con modalità differenziate e significati fra i più disparati.

È quanto sottolinea Phys.org, nell’analizzare il tipico comportamento dei felini di casa. Le fusa non sono unicamente un segno d’apprezzamento nei confronti dell’uomo, ma rappresentano una forma di comunicazione innata e presente già nei cuccioli di tenerissima età, pronti a manifestarle nei rapporti con la madre e durante l’allattamento. Ancora, il gatto vi può ricorrere come immediato calmante nelle situazioni di stress, per gestire un momento di ansia o depressione, quindi semplicemente per nostalgia. Tutti ambiti, peraltro, già ben conosciuti dagli amanti dei felini.

=> Scopri le fusa del gatto


Una ricerca pubblicata su Current Biology nel 2009, tuttavia, dimostra come il singolare verso possa declinarsi in modo assai differenziato a seconda delle situazioni vissute dal quadrupede. Per attirare le attenzioni delle madre, ad esempio, i gatti ricorrono a delle fusa molto acute e ravvicinate, non molto dissimili dai suoni emessi dai neonati. Quando accarezzati dall’uomo, o intenti a rincorrere il giocattolo preferito, le fusa assumono un tono più grave e profondo, con ripetizioni prolungate e importanti vibrazioni. In caso i felini fossero soli, spaventati o malati, invece, le fusa appaiono più flebili e ritmiche, più ansiose dal punto di vista sonoro.

=> Scopri i benefici delle fusa sula salute


Sembra, infine, ogni gatto produca un tono personale per le fusa, una sorta di timbro simile alla voce umana, nonché ricorra a queste vibrazioni anche pochi istanti prima della morte, forse per affrontare con più coraggio il trapasso.

6 luglio 2017
Fonte:
Lascia un commento