La cura degli amici a quattro zampe è un fattore importante, per preservare la loro salute e garantire un’aspettativa di vita migliore. Per questo è indispensabile rivolgere quesiti e dubbi al veterinario di fiducia, al centro più vicino oppure all’ASL di zona. Spesso le intenzioni dei proprietari nei confronti di cani e gatti sono sempre positive e lodevoli, ma anche nella buonafede c’è chi commette errori di valutazione. Il primo step per migliorare la loro salute è quella di conoscere gli errori da non replicare, ovvero ciò che non va fatto perché sbagliato o pericoloso.

I gatti, in particolare, sono gli animali che più di tutti subiscono gli atteggiamenti approssimativi da parte dell’uomo. Punizioni, sgridate, regole impartite nel modo sbagliato non fanno che confondere l’animale di casa. Linee guida avviate nel modo meno corretto non faranno che garantire reazioni opposte, fomentando anche l’aggressività dell’animale stesso. Oppure la tendenza alla fuga e alla voglia di evadere dalle mura domestiche, imbattendosi così in una serie di pericoli e insicurezze.

Errori più comuni

Un comportamento sbagliato ma messo in atto con costanza è quello di lasciare il gatto o il cane libero di vagabondare all’aperto, fuori dal recinto di casa e quindi facilmente esposto ai pericoli della strada. Un felino a piede libero è un animale facilmente attaccabile da altri animali, ma in difficoltà per via del traffico e delle macchine. Per impedire che ciò accada è bene rendere lo spazio casalingo un luogo più accattivante e ludico per Fufi stesso, oppure se possibile costruire esternamente una sorta di gazebo – o catio – recintato dove possa giocare liberamente. Se invece lo spazio del giardino è frequentato da altri gatti, magari randagi, è importante chiedere al veterinario quali vaccini effettuare per impedire il diffondersi di infezioni e malattie.

Fufi è un animale indipendente anche all’interno della casa, riprenderlo con violenza per qualche errore o sbaglio è il modo peggiore. Non si deve perciò sgridare un micio perché non capirebbe l’errore, ma vedrebbe solo urla e odio risultando sempre più stressato e nervoso. Invece premiarlo quando agisce correttamente è la via migliore per impedire la replica degli errori. Un’altra problematica è legata all’eccesso di cibo che può favorire una serie di patologie quali il diabete, ma anche l’obesità stessa. Per questo è importante calibrare le dosi, fornendo i giusti quantitativi senza cedere alle moine continue del gatto.

Medicine e pulizia

Per quanto riguarda la salute e la sua cura, è importante non risultare approssimativi, per questo è fondamentale non fornire medicinali destinati alla salute umana oppure al benessere di Fido. Alcuni rimedi o sostanze possono risultare dannose e spesso velenose, procurando al micio problematiche serie ma anche la morte. Importante consultare il veterinario o un esperto che possa fornire un elenco corretto a cui attingere, indicando tutto ciò che può cagionare la salute del micio. Non solo tra le medicine, ma anche nel cibo o tra piante e fiori. Infine, per conservare la salute del gatto è bene mantenere la lettiera pulita grazie a ricambi frequenti del contenuto. In questo modo l’animale continuerà a utilizzarla correttamente, il cambio della sabbia favorirà un ambiente sano e privo di infezioni e malattie.

18 novembre 2015
I vostri commenti
roberto bonezzi, mercoledì 18 novembre 2015 alle17:34 ha scritto: rispondi »

In molti non sanno che dar da mangiare il cioccolato agli splendidi micioni di casa può far loro arrivare a morte lenta e molto dolorosa: non possono assolutamente assumerne, capito?

Lascia un commento