Gatti: 5 soluzioni per nutrirlo adeguatamente

Un gatto felice, che riceve il giusto nutrimento, è un essere sano e pieno di energia a dispetto della sua età. Benché ami poltrire e sonnecchiare tutto il giorno, è giusto fornirgli una scelta alimentare completa, scegliendo dosaggi adeguati per impedire che accumuli grasso inutilmente. La perfetta combinazione di alimenti è per Fufi indispensabile: dal cibo può recuperare tutte le proprietà nutritive utili al suo benessere. Un mix di elementi che ne favoriscono la protezione quotidiana contro malanni, malattie, virus, sconfiggendo l’indebolimento fisico, i problemi articolari, ossei e una vulnerabilità generale che lo renda fragile e stanco. Il gatto è un animale scattante, agile, curioso, assecondare le sue richieste è di fondamentale importanza.

Cibi sani

La scelta degli alimenti è molto importante, che siano in scatola o freschi è bene che siano di qualità elevata. Fufi deve poter attingere a un corretto regime alimentare, che possa rispettare le singole esigenze legate all’età, alla salute e anche a particolari patologie. Meglio prediligere cibi biologici o dalla provenienza tracciabile, per un acquisto sano privo di additivi, senza sostanze chimiche e parti facilmente deteriorabili. Un menu che contempli le giuste percentuali nutritive utili al mantenimento del suo benessere, una scelta che può trovare nel veterinario un valido alleato in grado di consigliare prodotti, combinazioni e gli alimenti più consoni.

=> Scopri perché il gatto beve poca acqua


Proprietà nutritive

Gatto cibo

Una proposta alimentare bilanciata che contempli il fabbisogno del gatto di casa comprendere cibi ricchi di acido arachidonico, taurina, vitamine A, B 12 e D, nonché una serie di acidi grassi. Una dieta al alto apporto proteico, circa il 30%, che comprenda anche piccole porzioni di carboidrati ricchi di fibre e utili per il benessere intestinali come cereali, legumi, verdura e frutta. Importanti anche i grassi animali e vegetali, utili per l’assorbimento delle proteine, come l’acido arachidonico recuperabile mangiando pollame, e i minerali presenti nel cibo da fornire su consiglio veterinario. Senza dimenticare la bevanda corretta per il gatto: l’acqua, che non dovrà mai mancare accanto al cibo, tutto rigorosamente fresco.

Quantitativi e tempistiche

Per un pasto sano e adeguato è bene consultare sempre il veterinario che, in base al peso e alle esigenze di Fufi, potrà fornire il quantitativo corretto per il suo sostentamento giornaliero. Nonostante voglia mangiare a tutte le ore, è bene non lasciare il cibo nella ciotola, così da impedire che accumuli grasso corporeo e al contempo offrire piatti sempre freschi e salutari. L’orario giusto per offrirgli il pasto deve ricalcare le sue abitudini da cacciatore, quindi di prima mattina e al tramonto evitando di fornire crocchette e fuori pasto.

=> Scopri le pappe fatte in casa per il gatto


Cibi preparati in casa e scelta veg

Gatto che si lava

Nonostante lo stile di vita veg stia prendendo sempre più piede, è bene escludere il gatto da questo regime alimentare: una dieta totalmente green non è adatta al suo fabbisogno di carnivoro e cacciatore. Un mix adeguato di carne, verdura e poca frutta, invece, potrebbe risultare ottimale ma sempre su indicazione del veterinario, che potrà anche consigliare quantitativi e percentuali. Carne sempre ma mai cruda, perché potrebbe contenere batteri pericolosi per la salute del micio, invece molto valida l’idea di preparare pasti casalinghi sempre consultando il veterinario per comporre il giusto mix di proteine, sali minerali, carboidrati e grassi.

Cibi banditi

Fufi non è completamente onnivoro quindi è sconsigliato nutrirlo con cibo per il consumo umano, non sempre adatto alle sue esigenze. Alcuni alimenti sono assolutamente banditi dalla sua dieta come i cibi per i bambini, i semi di mela che possono intossicarlo, quindi caffeina, cioccolato, alcolici, ossa e lische di pesce che possono causare ostruzione, tonno in scatola, cibo per cani, uva e uvetta letali per i reni, noccioline, fegato, uova e pesce in grandi quantità che possono favorire delle carenze, lievito, quindi i prodotti lattiero-caseari da offrire con parsimonia perché fonte di proteine ma non facilmente assimilabili e digeribili.

27 marzo 2018
Lascia un commento