Il passaggio dell’uragano Matthew lungo la costa americana ha causato molti danni, ma anche tanti morti. A pagarne il prezzo, in egual misura, sono sia gli uomini che gli animali. Tanti gli esemplari stravolti dalla furia del vento, molti quelli che sono rimasti soli e abbandonati al termine della catastrofe. È il caso di una minuscola gatta tratta in salvo da una persona di buon cuore. La piccolina, apparsa sola e spaventata, è stata recuperata in North Carolina. Quindi affidata alle amorevoli cure del PetSmart’s Banfield Pet Hospital, con sede a Raleigh. Ovviamente spaventata e infreddolita, è stata curata e coccolata, ma anche protetta dal gelo in modo singolare.

La struttura ha deciso di crearle un abito ad hoc, modificando una calza di lana in misura del formato ridotto del felino. Con due fori realizzati nel tessuto, per inserire le zampe anteriori, la gattina ha potuto proteggersi dal freddo e riguadagnare tepore. Ma anche sfoggiare un completo comodo, caldo e al contempo originale. Di certo, nessuno avrebbe mai creduto che tale abbigliamento potesse anche portarle tanta fortuna.

=> Scopri tutte le curiosità sui gatti


Poco dopo il suo arrivo, una famiglia era giunta presso la struttura, con il desiderio inconscio di adottare un gattino. Il veterinario, cogliendo l’occasione, ha deciso di presentare la piccola al gruppo. Le titubanze iniziali hanno subito un duro colpo alla vista della micetta dentro il calzino. Così piccola e spaesata da toccare i cuori più ostici. In breve tempo la famigliola si è ritrovata a fare acquisti per la nuova piccola di casa, compresa una lettiera maxi dai colori vivaci. L’utente Twitter @crysomemore è stata testimone oculare della cronologia degli eventi, che ha narrato con affetto attraverso il suo profilo social. Nonostante l’evento catastrofico, la piccola ha potuto dare una svolta positiva alla sua vita. Ma sono ancora tanti gli animali in difficoltà che le unità di soccorso stanno recuperando, in attesa di riconsegnarli alle loro famiglie o nella speranza di un nuovo proprietario.

13 ottobre 2016
Fonte:
Lascia un commento