La gastrite è un’infiammazione della mucosa dello stomaco e le cause principali sono: alimentazione irregolare, abuso di alcol, stress e fumo. Tutti questi comportamenti possono provocare l’insorgere della gastrite, che si manifesta con dolore e/o dolore sordo o bruciore (bruciore di stomaco), nausea, diminuzione dell’appetito, eruttazioni e/o gonfiore allo stomaco.

Chi soffre di gastrite ha la mucosa dello stomaco irritata pertanto la regola generale è evitare tutti i cibi e le bevande che possono causare ulteriore stress.

Rimedi naturali contro la gastrite

La gastrite, dunque, oltre che essere controllata con dei farmaci, eventualmente consigliati dal medico, può senz’altro essere affrontata migliorando lo stile di vita, anche a tavola:

  • mangiare lentamente piccoli bocconi, perché una buona masticazione rende più facile e veloce la digestione;
  • fare pasti equilibrati in orari regolari;
  • fare 5 pasti al giorno, mai troppo abbondanti;
  • bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno, preferibilmente a temperatura ambiente soprattutto se si è ancora a stomaco vuoto;
  • mangiare la frutta lontano dai pasti, meglio se per lo spuntino di metà mattina e per la merenda del pomeriggio;
  • fare una passeggiata o comunque evitare di stare seduti o sdraiati dopo il pasto.

Chi soffre di gastrite acuta o cronica deve seguire una dieta varia e regolare in accordo con il modello della dieta mediterranea che prevede appunto di distribuire i pasti in 5 momenti della giornata (colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena) e assumere le “calorie quotidiane” dal 55-60% di carboidrati, 25-30% di grassi e 10-15% di proteine.

Alimenti da evitare in caso di gastrite

In merito alla dieta per la gastrite e per migliorare la sensazione di fastidio allo stomaco, l’eventuale nausea ed il bruciore è utile riconoscere ed evitare gli alimenti che possano risvegliare o peggiorare i sintomi.

Bevande e cibi sconsigliati nella dieta di chi soffre di gastrite:

  • bibite gassate e succhi perché tutte le bevande a base di cola o aranciate e succhi di frutta sono “acide”;
  • te, cioccolata e caffè in quanto la caffeina e le altre sostanze stimolanti possono aumentare il “reflusso di acido”;
  • vino e superalcolici;
  • formaggi piccanti e fermentati;
  • salumi.

In merito ai formaggi stagionati ed ai salumi a renderli inadatti a chi soffre di gastrite è la quantità di grassi che contengono: per digerire alimenti così grassi lo stomaco ha bisogno di produrre una maggiore quantità di acidi gastrici. Lo stesso vale per tutti quelli alimenti che vengono preparati con ricette troppo elaborate e con un gran numero di ingredienti, o grassi di condimento.

La frutta secca, per quanto abbia indubbi vantaggi per la salute, potrebbe causare un peggioramento dei sintomi allo stomaco perché è ricca di grassi e proteine, e quindi di lunga digestione.

Per quanto riguarda i condimenti vale, per chi soffre di gastrite, la regola generale della semplicità: spezie piccanti, aglio e aceto sono irritanti per la mucosa dello stomaco.

Alcuni alimenti semplici e di uso comune sono “acidi” e per questo motivo è utile saperli riconoscere: agrumi, mele, ciliege, pesche, pere, verdure conservate sotto aceto, pomodoro, succo o passata di pomodoro vanno consumati con moderazione da chi ha la gastrite.

Gli alimenti della dieta per migliorare la gastrite

La dieta di chi soffre di gastrite dovrebbe essere sana ed equilibrata e basata sul modello della dieta mediterranea, come già ricordato all’inizio. In ogni caso è utile per chi ha la mucosa gastrica irritata preferire alcuni alimenti, che per la loro natura meno acida o per la loro composizione nutrizionale possono migliorare i sintomi. Tra questi:

  • asparagi, fagioli, carote, funghi, patate e spinaci sono alimenti naturalmente poco acidi;
  • il latte scremato o parzialmente scremato aiuta a neutralizzare l’acidità gastrica ed inoltre, privato di parte dei grassi, diventa più facilmente digeribile;
  • alimenti poco grassi come la carne bianca, il pesce magro e i latticini magri non stagionati.

Fare una dieta leggera ed equilibrata per migliorare i sintomi della gastrite significa dunque:

  1. scegliere con consapevolezza gli ingredienti, alcuni hanno effetti irritanti sulla mucosa dello stomaco;
  2. preferire cotture semplici come bollitura, cottura al vapore, alla griglia o alla piastra, al forno e al cartoccio;
  3. condire le ricette finite con poco olio extra vergine di oliva a crudo e ridurre l’uso dei condimenti in cottura;
  4. scegliere alimenti poco grassi, perché più velocemente digeribili;
  5. per ogni pasto scegliere una sola fonte di carboidrati (pane, pasta o riso) ed una sola fonte di proteine (carne, uova, pesce, formaggio o legumi) per facilitare la digestione.

Un esempio di dieta giornaliera “anti-gastrite” potrebbe essere:

  • colazione: uno yogurt magro con cereali integrali e, al posto del classico te o caffè, una tisana calda magari a base di malva
  • spuntino di metà mattina: una porzione di frutta “poco acida” banana o uva
  • pranzo: piatto unico a base di pasta, ad esempio la pasta con asparagi, salmone e capesante ed una porzione di contorno
  • merenda di metà pomeriggio: ancora una porzione di frutta
  • cena: una porzione di spiedini di pollo e pane alla piastra e una porzione di contorno.

5 giugno 2014
I vostri commenti
giuseppina, lunedì 28 novembre 2016 alle21:24 ha scritto: rispondi »

vorrei sapere se la gastrite fa venire dolori anke alla schiena e alle spalle .grazie

eleonoramaria, domenica 10 aprile 2016 alle21:53 ha scritto: rispondi »

Buona sera, da poco tempo a causa di forte stress, ho incominciato ad avere lo stomaco "molto delicato". Non parlo ancora di gastrite perchè il medico non me l'ha diagnosticata. Comunque cerco di seguire una dieta "basica" A proposito delle mele e pere, non vanno bene anche se le consumo cotte ? Grazie

anna thadei, sabato 28 novembre 2015 alle23:57 ha scritto: rispondi »

Ho bisogno di sapere di più inche modo di curare il gastrite perché sofro tanto. Grazie

Dimagrire velocemente, sabato 7 giugno 2014 alle16:11 ha scritto: rispondi »

Per dimagrire non è necessario ricorrere a diete e cibi particolari, ma semplicemente devi riuscire ad ascoltare il tuo corpo e quello di cui ha davvero bisogno. Non devi mai lasciare che la tua pancia brontoli dalla fame, perché se lo fa è il segnale che devi mangiare qualcosa, sennò è ovvio che ti viene la gastrite! Se vuoi saperne di più vieni sul nostro sito e troverai quello di cui hai bisogno :)

Lascia un commento