Ddl sugli ecoreati, trivellazioni e strategia energetica nazionale. Sono i temi affrontati dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti nel corso di un’intervista rilasciata ieri alla trasmissione radiofonica Si può fare, in onda su Radio24.

Galletti ha spiegato perché il Governo Renzi si è battuto per l’eliminazione dal ddl sugli ecoreati della norma che proibiva l’utilizzo dell’airgun per la ricerca di idrocarburi in mare:

Quell’emendamento era entrato al Senato in modo anomalo ed era sbagliato, perché puniva chiunque usasse queste tecniche in mare e saremmo stati l’unico Paese al mondo a farlo. Poi, se vietiamo quella tecnica e magari la usano i nostri confinanti?

Il ministro dell’Ambiente ha poi spiegato che l’Italia si sta battendo in Europa per arrivare a una normativa comunitaria che disciplini le trivellazioni.

Galletti si è affrettato a fugare i timori degli ambientalisti, promettendo che il ddl sugli ecoreati verrà approvato entro la fine del mese, come da impegni presi dal Governo, senza alcun affossamento al Senato. L’esecutivo è certo di riuscire ad approvare la legge perché gode dell’appoggio della maggioranza:

Voglio portare a casa il risultato senza dietrologie, i cattivi pensieri non mi interessano. La prossima settimana chiuderemo i lavori in commissione, da quella successiva il testo sarà in Aula. Siamo alla vigilia di un evento storico in campo ambientale, che l’Italia aspetta da vent’anni.

Sul fronte dell’energia il ministro ha mostrato di avere le idee molto chiare, affermando che le fonti rinnovabili rappresentano il futuro in Italia e in tutto il mondo. Nei prossimi anni il loro apporto nel bilancio energetico nazionale e globale sarà predominante. Galletti ha concluso tuttavia aprendo all’utilizzo nel prossimo periodo di fonti energetiche non verdi:

In questo periodo di transizione non possiamo fare a meno di usare altre fonti. Non si può più usare l’ambiente contro lo sviluppo.

11 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Agi
I vostri commenti
luciano f, lunedì 11 maggio 2015 alle15:11 ha scritto: rispondi »

incredibile..... eppure il Ministro è persona preparata ed intelligente. La scelta sulle non rinnovabili è anacronistica

Lascia un commento