Accordo di Parigi irreversibile e non negoziabile. Questo l’orientamento dell’Italia, e della maggior parte dei Paesi presenti a Bologna, secondo quanto affermato dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, intervenuto in occasione della giornata conclusiva del G7 Ambiente.

=> Leggi la conferma dell’uscita degli USA dall’Accordo di Parigi

Resta distante, prosegue Gian Luca Galletti, la posizione degli Stati Uniti rispetto a quella europea, seppure gli USA abbiano manifestato l’intenzione di procedere per proprio conto verso il taglio delle emissioni di CO2. Come ha affermato il ministro dell’Ambiente italiano:

Abbiamo preso atto della posizione degli Stati Uniti, che hanno dichiarato di voler continuare la propria politica di riduzione della CO2 anche al di fuori dell’Accordo di Parigi. Detto che per noi l’Accordo di Parigi è imprescindibile comunque i Paesi del G7, per quello che rappresentano nel mondo, penso debbano mantenere il filo del dialogo. Il filo del dialogo vuol dire la ricerca di una continuazione del dibattito. Questo potrebbe essere il risultato del G7.

Quindi non una chiusura completa, ognuno resta sulle sue posizioni per quanto riguarda l’Accordo di Parigi. Io ritengo che fuori dall’Accordo di Parigi non ci possa essere il contrasto ai cambiamenti climatici. Detto questo prendiamo atto della volontà degli Stati Uniti di continuare una politica di riduzione della CO2 che ha portato avanti in questi anni e alcuni risultati li ha dati.

12 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento