Il bello di un progetto “opensource” è il fatto di avere aggiornamenti continui e precisi sul suo sviluppo. L’evoluzione del Hydrobetatron, il reattore a fusione fredda che Ugo Abundo ed il suo team stanno cercando di perfezionare ne è l’esempio migliore.

Si tratta, come ricorderete, di un reattore simile per molti versi all’E-Cat di Andrea Rossi e come quest’ultimo, ammesso il suo funzionamento, promette nel prossimo futuro di rivoluzionare il mondo della produzione energetica in una direzione maggiormente ecoresponsabile, ma anche molto più economica. Di questi giorni la novità che l’FPulsator sarebbe pronto e sarebbe stato testato. Cosa è? Si tratta di un congegno che:

Nasce per la realizzazione di impulsi, su due canali, atti a pilotare la tensione di cella elettrolitica e la tensione intracatodica, rendendo variabili, per ciascun canale indipendente, la forma d’onda, i ritardi, l’ampiezza, la durata e il segno dell’impulso, la frequenza, il duty-cycle.

Insomma, si tratta di un apparato fondamentale per la gestione energetica della cella, ovvero del nucleo stesso del reattore LENR. Come leggiamo nella descrizione data dal documento messo online sul sito del progetto:

Esso consiste, essenzialmente, in uno stadio alimentatore, per generare l’elevato voltaggio, e in uno sagomatore, per trasformare la forma d’onda suggerita dal generatore di funzioni, dal livello segnale al livello di potenza.

Le principali modifiche da noi introdotte si riferiscono, intanto, alla suddivisione in ulteriori sottomoduli per consentire flessibilità in vista di ulteriori futuri adattamenti (modulo survoltore, di divisione delle semionde, costruttore della forma d’onda, preamplificatore, commutatore), oltre che al raddoppio dei canali da controllare.

Insomma, diciamolo, un linguaggio decisamente molto tecnico. Se vogliamo dare però credito di una certa credibilità al progetto, consci di quanto la fusione fredda sia spesso tacciata di essere una bufala, non possiamo aspettarci di meno. L’augurio è che il lavoro di Abundo porti presto frutti importanti che sgombrino alcune perplessità naturali.

1 ottobre 2013
I vostri commenti
Ono convinto che tutto andra per il meglio. Aspettiamo con ansia il modello per famiglia., domenica 16 marzo 2014 alle0:09 ha scritto: rispondi »

Non vedo l'ora che si metta in vendita un piccolo ecat famigliare in quando siamo stufi di pagare bollette salatissime.

Lascia un commento