L’annuncio dei possibili ritardi nella comunicazione dei risultati test indipendenti sull’E-Cat da parte dell’ente terzo responsabile ha scatenato un certo putiferio. In molti fra i fan di Andrea Rossi erano convinti che il loro beniamino stesse per sferrare il colpo decisivo contro scettici e concorrenza. Al contrario, questo ritardo sembra ringalluzzire i dubbiosi, mentre la concorrenza, nella fattispecie il prof. Francesco Piantelli, ha ottenuto un importante riconoscimento: la domanda di brevetto per il reattore a fusione fredda del ricercatore italiano è stata accettata.

Leggi i dettagli sull’approvazione del brevetto per il reattore di Piantelli

In molti si sono chiesti, allora, se per caso non si potesse parlare di un sorpasso di Piantelli su Rossi. L’ingegnere italiano, la cui “vis polemica” è sempre notevole, ha deciso di mettere le cose in chiaro, in modo da far tacere questo chiacchiericcio: Piantelli avrà anche brevettato un reattore, ma il suo semplicemente non funziona. Con le parole di Rossi, estratte dal suo blog:

L’apparato descritto, che noi abbiamo replicato in maniera altamente fedele dopo la pubblicazione di queste patenti per controllarne la validità, attualmente non funziona. Chiunque può provare…

A chi, come noi, aveva suggerito una stretta somiglianza fra quanto descritto nel brevetto e quanto è noto dell’E-Cat, Rossi ha chiarito:

Nessuna di queste patenti spiega come l’E-Cat possa funzionare.

Leggi la Guida alla fusione fredda di Andrea Rossi

Come sempre, lo stile di Rossi è semplice e diretto. L’unico problema che ci sentiamo di sollevare riguarda il fatto che nelle patenti di Piantelli si parla di reazione fra idrogeno ed un metallo generico. Dato che si parla di fusione fredda è facile pensare che si tratti di nichel o palladio. Ma nulla garantisce che queste ipotesi siano veritiere. Stando così le cose, i test messi in pratica da Rossi potrebbero non essere minimamente attendibili.

Fonti: ecatreport.com

23 gennaio 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Tito, mercoledì 30 gennaio 2013 alle19:26 ha scritto: rispondi »

 Stai facendo un discorso senza senso, io la fiducia te la posso dare e come investitore non ti dico di darmi la copia del progetto, per poi poterlo rifare a costo 0, ma voglio vedere che questa macchina funzioni e degli esperti mi dicono non c'è trucco e inganno (detto in parole povere), perché parliamo che in italia di truffe è pieno, poi allora ti posso dare i miei soldi ma nessuno investe a occhi chiusi e soprattutto senza vedere se c'è del potenziale in quello che fai....se a te vengono oltre e di dicono "o noi creiamo diamanti dal nulla", te gli dai i soldi? si vede che vivi nel mondo delle favole. poi questo si fa da portafoglio a portafoglio perché se ho miliardi e mi chiedi 100mila euro posso anche investire senza guardare, ma non so in quanti lo fanno. Discorso diverso se uno investe nella ricerca ancora non essendoci niente c'è caso che non ti ritrovi niente nemmeno dopo, mentre qua c'è qualcosa di concreto allora perché non farlo vedere?

Friko, martedì 29 gennaio 2013 alle8:29 ha scritto: rispondi »

Tutti vogliono vedere certificazioni su certificazioni perchè se dovesse per disgrazia inquinare 1/100 di quello  che inquina il petrolio allora si blocca tutto, ed intanto moriamo di cancro per lo smog provocato dallo sfruttamento di una risorsa che è di gran lunga peggiore di qualsiasi altra fonte naturale in quanto a morte... carbone-petrolio..... e poi? si blocca Rossi e si da' il via al gas di scisso bravi un applauso a tutti

Howard Hunt, lunedì 28 gennaio 2013 alle19:28 ha scritto: rispondi »

Ecco perché l'italia è un paese del terzo mondo perché c'è questa gente che non si fida... che vede il rischio d'impresa come terrore puro mentre gli  Americani che invece hanno creduto  da sempre in Andrea Rossi adesso sono  proprietari al 50% di tutti i patent dell'e-cat e saranno i dominatori  del settore energia anche nel terzo  millennio.  Senza menzionare il fatto poi che il  governo italiano nell 87 ha fatto  arrestare rossi come un criminale  mentre il Presidente Carter in persona nel 78 gli ha dato la carta verde per portare avanti le sue ricerche in America.  Con gente come voi, l'Italia sarà sempre paese sottosviluppato  come il Congo o il Sudan. Dovete  sprofondare come il titanic! Vi meritate i vostri politici perché voi siete il loro specchio esatto.

Howard Hunt, lunedì 28 gennaio 2013 alle19:28 ha scritto: rispondi »

Ecco perché l'italia è un paese del terzo mondo perché c'è questa gente che non si fida... che vede il rischio d'impresa come terrore puro mentre gli  Americani che invece hanno creduto  da sempre in Andrea Rossi adesso sono  proprietari al 50% di tutti i patent dell'e-cat e saranno i dominatori  del settore energia anche nel terzo  millennio.  Senza menzionare il fatto poi che il  governo italiano nell 87 ha fatto  arrestare rossi come un criminale  mentre il Presidente Carter in persona nel 78 gli ha dato la carta verde per portare avanti le sue ricerche in America.  Con gente come voi, l'Italia sarà sempre paese sottosviluppato  come il Congo o il Sudan. Dovete  sprofondare come il titanic! Vi meritate i vostri politici perché voi siete il loro specchio esatto.

Arturo, mercoledì 23 gennaio 2013 alle20:30 ha scritto: rispondi »

io voglio vedere una certificazione che dice chiaro e tondo che questi sistemi funzionano, ovvero che sono in grado di fornire realmente energia in quantità sfruttabile non inquinando. Per ora sol chiacchiere. mi da tanto l'idea degli alchimisti che cercavano di fabbricare l'oro, o la ricerca del moto perpetuo di tanti gonzi 

Lascia un commento