Nuovi competitor all’orizzonte per l’E-Cat di Andrea Rossi: stiamo parlando dell’azienda Kressenn Ltd. EnergyCatalyzer ce la presenta come un’azienda britannica, ma andrebbe notato come, in realtà, ancora una volta a cercare di condurre affari sulla fusione fredda sono degli italiani.

Cuore della ricerca è il lavoro del già celebre prof. Francesco Celani, di cui abbiamo più volte scritto, mentre a capo dell’azienda troviamo gli italianissimi Angelo Ovidi e Massimo Mongardini. L’obiettivo del loro lavoro non è soltanto quello di riuscire a produrre dei prodotti che sfruttino i processi LENR, ma anche riuscire a produrre una teoria scientifica sulle LENR che possa essere accettata dalla comunità scientifica.

Nel presentare il proprio lavoro Ovidi, infine, ha deciso di usare una metafora decisamente provocatoria: il passaggio dalla Preistoria alla Storia è stato, tecnicamente, il passaggio dall’età della pietra a quella dei metalli (in realtà non è così, ma l’importante è capire il concetto). Allo stesso modo, l’era del petrolio, letteralmente “olio della pietra” sarebbe ancora, in un certo senso, preistoria. Ed i reattori che alcuni stregoni (leggasi Rossi e compagnia) stanno preparando, lavorando sulle reazioni nucleari a freddo di alcuni metalli, segneranno l’avvio della storia vera e propria, di una nuova età del metallo.

Come detto è una piccola provocazione. Se ne è concessa una a noi, auspicheremmo che questi inventori non siano davvero degli “stregoni”, come sono stati descritti, e dimostrino davvero che la fusione fredda è qualcosa di più di un gioco di prestigio.

Per concludere, l’obiettivo di Ovidi e Mongardini sembra essere quello di costruire delle unità capaci di fornire energia elettrica a server informatici. Dato il curriculum di entrambi, in cui spiccano collaborazioni in ambienti informatici di software libero, si tratta di uno sviluppo interessante.

1 agosto 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Maciknight, giovedì 2 agosto 2012 alle12:39 ha scritto: rispondi »

Ho l'impressione che su questi argomenti che seguo da parecchi mesi siamo ancora a livello di CHIACCHIERE E DISTINTIVO, anzi quest'ultimo è una patacca

Lascia un commento