Sembra difficile da credere, ma anche i cani sono vittime di furto e di veri e propri sequestri. Le motivazioni sono le più disparate e spesso hanno a che vedere con il mercato nero: dalla rivendita alle lotte clandestine, passando per la richiesta di riscatto quando si tratta di un cucciolo di una famiglia facoltosa. Insomma, le vie del crimine non hanno alcun fondo cieco e arrivano addirittura a colpire il mondo degli animali domestici.

Ma come prevenire questa evenienza? Quali sono le modalità con cui il furto viene effettuato? La sottrazione di un cane può avvenire quando meno la si aspetti, soprattutto durante attività del tutto normali nel corso della giornata. Ecco una lista dei 5 eventi più comuni:

>>Scopri come salvare il cane da un’auto chiusa.

  1. Automobili: lasciare il cane in auto, oltre a essere un gesto di grande inciviltà e di poco rispetto per l’animale, apre al facile furto. Si tratta del crimine più frequente: un finestrino viene distrutto e Fido sottratto senza troppi complimenti;
  2. Razze speciali: i cani più sottratti sono quelli di alta razza, in particolare quelli dotati di pedigree o per qualche motivo conosciuti per caratteristiche speciali. È sufficiente che Fido abbia partecipato a un evento pubblico, come una mostra canina o una gara di agility, affinché attiri le attenzioni dei malviventi. Le motivazione principale è quella dell’estorsione o dell’accoppiamento forzato per perpetrarne le qualità;
  3. Giardino: sebbene recintato, è meglio non lasciare il cane incustodito in giardino. Spesso il furto avviene solo per liberarsi il campo in preparazione di altri crimini: prima si fa scomparire Fido e, dopo qualche giorno, si torna per mettere a soqquadro la casa;
  4. Guinzaglio: capita a tutti di essere costretti a legare momentaneamente l’animale di casa a un palo sul marciapiede, spesso giusto il tempo necessario per pagare l’edicolante o comprare un pacchetto di sigarette. Vi sono testimonianze di cani rubati lasciati soli per meno di 3 minuti, anche in questo caso presi da malviventi per razza o ragioni di combattimento;
  5. Sconosciuti e clochard: bisogna sempre diffidare dagli sconosciuti che dimostrano fin troppo affetto per il proprio cane, potrebbero solamente recitare per tastare il terreno. Avvicinandosi, si accertano della purezza della razza, della presenza di una targhetta e di dispositivi elettronici per la geolocalizzazione. Si rilevano anche rarissimi casi di furto da parte di clochard, sebbene il reato qui abbia tutt’altra valenza: ci sono senzatetto che si sentono solo e abbandonati, trovare un amico a quattro zampe rende la loro vita più sopportabile anche al costo di trasformarsi in ladri;

16 gennaio 2013
Fonte:
Lascia un commento