Fumo di terza mano aumenta il rischio di tumore ai polmoni

Il fumo di terza mano può aumentare il rischio di sviluppare un tumore ai polmoni. Si tratta di quelle sostanze nocive che derivano dal fumo e che tendono a depositarsi sulle superfici degli ambienti domestici, come per esempio le tende e i tappeti.

A puntare l’attenzione sul fumo di terza mano sono stati i ricercatori del National Lawrence Berkeley Laboratory, che hanno condotto degli esperimenti sull’argomento riferendosi ad animali da laboratorio. Già lo scorso anno alcuni studi avevano evidenziato che anche una breve esposizione al fumo di terza mano può essere collegata al rischio di basso peso corporeo e di cambiamenti nel sistema immunitario.

=> Scopri quali sono i danni del fumo sul sesso

Adesso con un nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Clinical Science, gli esperti hanno sottolineato che l’esposizione precoce a queste sostanze nocive derivanti dal fumo delle sigarette è associata ad un aumento dell’incidenza del tumore ai polmoni.

Vari studi che sono stati effettuati sia negli Stati Uniti che in Cina hanno confermato che la presenza del fumo di terza mano è diffusa e che spesso i metodi di pulizia classici non si rivelano efficaci nel rimuovere queste sostanze tossiche.

=> Leggi perché smettere di fumare fa guadagnare fino a 9 anni di vita

L’esposizione a queste sostanze pericolose può verificarsi in vari modi: attraverso l’inalazione, l’ingestione o l’assorbimento tramite la pelle, per cui gli esperti sottolineano che sarebbero a rischio anche i bambini piccoli, che gattonano e mettono oggetti in bocca.

I test condotti sui topi hanno rivelato che a 40 settimane dall’ultima esposizione negli animali si verificava un aumento dell’incidenza di sviluppare tumori. Gli studiosi hanno chiarito che cosa succede a livello molecolare e cellulare. Le tossine del fumo di terza mano possono danneggiare il DNA cellulare.

Se il danno non è riparato correttamente dall’organismo possono verificarsi delle mutazioni che spingono la cellula a diventare cancerosa. Attraverso degli studi in vitro utilizzando cellule di tumore al polmone, si è scoperto che il fumo di terza mano induce a delle rotture del doppio filamento del DNA: si verifica così l’aumento della proliferazione cellulare.

12 marzo 2018
Lascia un commento