Marijuana meno dannosa dell’alcol. Questa la conclusione tratta da un controverso studio statunitense, durante il quale sono stati comparati gli effetti del fumare cannabis a quelli prodotti dal consumo di altre sostanze potenzialmente dannose quali ad esempio bevande alcoliche e tabacco. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports, affiliata di Nature.

La marijuana è risultata la sostanza a più basso rischio di mortalità collegato. L’alcol invece è risultato il più mortale tra i prodotti analizzati, davanti persino a sostanze stupefacenti come eroina e cocaina. Al quarto posto nella speciale classifica il tabacco, seguito al quinto e sesto posto da ecstasy e metanfetamina. La settima e ultima posizione è appunto occupata dalla cannabis.

Tali conclusioni sono state ottenute comparando il consumo tipico da parte degli individui alla dose letale di ciascuna sostanza. Secondo i dati ottenuti dai ricercatori i fumatori di marijuana risultano sottoposti a un rischio di morte prematura 114 volte inferiore rispetto ai bevitori di alcol.

I ricercatori non intendono tuttavia attraverso questo studio affermare che la marijuana non comporti in alcun modo rischi per la salute degli utilizzatori, né spingere alcuno verso il suo utilizzo, ma soltanto indicare una scala di pericolosità relativa alla possibile assunzione individuale.

Precedenti studi hanno invece affermato come possano essere vari, a prescindere dalla mortalità correlata con la sostanza, gli effetti della marijuana sugli utilizzatori.

Alcune ricerche hanno associato ad esempio la cannabis con la riduzione delle masse tumorali, il rallentamento del virus dell’HIV o un aiuto nel perdere peso e tenere sotto controllo il diabete, mentre quella University of Texas ha invece affermato come il suo utilizzo possa produrre alterazioni al cervello modificando la materia grigia.

24 febbraio 2015
I vostri commenti
Luca, martedì 3 marzo 2015 alle8:44 ha scritto: rispondi »

C'era forse qualche dubbio? La cannabis non è neanche paragonabile All alcool

Lascia un commento