Il fucus, chiamato anche Fucus vesiculosus oppure quercia marina, è un’alga appartenente alla famiglia delle Fucaceae. Vive sulle rocce e sulle coste più fredde dell’Atlantico e del Mediterraneo, dove può rimanere diversi giorni fuori dall’acqua, secernendo un muco che la protegge da sole e disidratazione. Per resistere al clima freddo in cui vive, è dotato di proprietà protettive antigelo. In alcune zone artiche, come nel Mare del Nord, le zone in cui cresce il fucus sono tra i pochi habitat in cui si sviluppano anche comunità di crostacei e molluschi marini.

Caratteristiche

Fucus, vesciche

Bladderwrack Seaweed – Fucus vesiculosus, with Flat Topshell – Gibbula umbilicalis via Shutterstock

Il fucus può essere alto fino a un metro e presenta una base piatta divisa in lobi a uncino, che fissano la pianta alle rocce o ad altri sostegni. Dalla base parte un fusto arrotondato con fronde verde oliva o brune, inoltre presenta delle vescichette ellittiche piene d’aria che hanno la funzione di far galleggiare la pianta, che non può rimanere sommersa per troppo tempo onde evitare di putrefarsi. Tra i componenti dell’alga, si trovano:

  • Acido alginico, ascorbico, arachidonico, laurico, miristico, oleico e stearico;
  • Fucoidano;
  • Laminarina;
  • Luteina;
  • Clorofilla;
  • Mucillagini;
  • Proteine;
  • Sodio;
  • Vitamine: niacina, riboflavina, tiamina, vitamina C;
  • Minerali: alluminio, arsenico, bromo, calcio, zinco, cromo, cobalto, fosforo, ferro, mercurio, magnesio, piombo, potassio, selenio, silicio, iodio.

Proprietà curative del fucus

Quest’alga è stata usata spesso nei paesi orientali, specialmente in Cina, soprattutto contro la perdita dei capelli e per aumentare il desiderio sessuale. È utilizzata anche come fonte di calcio e iodio nei casi in cui la dieta ne fosse carente. Il fucus è conosciuto in Occidente come rimedio per molti disagi, e per questo è molto venduto, sebbene la diatriba tra sostenitori e detrattori sia molto intensa.

Usi

Fucus secco

Seaweed, Fucus via Shutterstock

Fra gli usi interni dell’alga, si ritiene il fucus possa essere indicato nei seguenti casi:

  • Ipotiroidismo: il fucus è ricco di iodio, un elemento solitamente utile alla tiroide. Il malfunzionamento della ghiandola è responsabile di malattie come l’ipotiroidismo e il gozzo. Contiene inoltre le vitamine C e B, utilissime per regolare le funzioni tiroidee, e la tirosina, un aminoacido non essenziale coinvolto nella formazione di molti ormoni. Il ricorso nel trattamento dell’ipotiroidismo è però molto controverso: mentre molti specialisti ritengono che il trattamento naturale con questa pianta sia adatto alla tiroide, la medicina convenzionale ne considera gli effetti minimi e con controindicazioni che non ne giustificano l’utilizzo. In ogni caso si consiglia l’assunzione solo ed esclusivamente sotto controllo medico. È fondamentale, inoltre, essere certi dell’origine della pianta stessa: quando le alghe vengono raccolte, vi è sempre la possibilità di confonderle con altre simili ma tossiche, contaminate con metalli pesanti tossici come mercurio, piombo e cadmio.
  • Metabolismo: il fucus è considerato uno stimolante del metabolismo basale, ossia della capacità dell’organismo di bruciare calorie a riposo. Le persone con un metabolismo più veloce consumano più calorie, e viceversa. Il ritrovato aumenta il metabolismo agendo sulla la tiroide, questa proprietà è stata sfruttata contro varie anomalie metaboliche come l’obesità, la cellulite, la ritenzione idrica la gotta e la stipsi.
  • Bruciore di stomaco: le preparazioni con l’alga sono in grado di assorbire l’eccesso di acido nello stomaco e sono utili per i sintomi da reflusso, ad esempio in caso di ernia iatale;
  • Colesterolo: il fucus ingloba il colesterolo nel tratto digestivo, diminuendone l’assorbimento nel sangue ed espellendolo con le feci.
  • Fame nervosa: i preparati a base di fucus aumentano di dimensioni nello stomaco, diminuendo così il senso di fame e il desiderio compulsivo di cibo. Per questo motivo, è spesso consigliato nelle diete dimagranti.

Il fucus viene utilizzato anche esternamente, soprattutto nei casi di malattie della pelle, date le proprietà fungicide di iodio e selenio. Senza contare che la presenza di iodio, vitamina C, acido laurico, polifenoli e clorofilla aiuta contro i batteri. Inoltre, il composto è utile nei casi di eczemi, ferite o piaghe con difficoltà di guarigione. L’ideale è pulire la zona interessata con il decotto di alga, preparato con due cucchiai di pianta essiccata per ogni tazza d’acqua.

Controindicazioni

Bacinella di fucus

A bowl of bladderwrack seaweed against grained wood with copy space via Shutterstock

Sono diverse le controindicazioni e gli effetti collaterali che potrebbero manifestarsi alla somministrazione dell’alga:

  • Non assumete preparati di questa pianta in combinazione con altri farmaci contro l’ipotiroidismo o con altri composti che contengano iodio;
  • Il fucus è controindicato in concomitanza a farmaci anticoagulanti;
  • L’alga non può essere abbinata a farmaci contro il diabete, o rischiereste di abbassare troppo i livelli di zucchero nel sangue.
  • Non assumete fucus se siete gravide o se state allattando.
  • Il contenuto di un certo numero di sostanze chimiche considerate tossiche rende quest’alga non priva di conseguenze nel suo utilizzo. Tra le sostanze nocive si annoverano il cadmio, il piombo, il mercurio e l’arsenico;
  • L’assunzione prolungata di preparati contenenti fucus può diminuire l’assorbimento di ferro;
  • L’eccesso di iodio può essere controindicato in alcuni casi di acne.
  • In alcune persone, il fucus provoca vomito o diarrea.

4 agosto 2014
I vostri commenti
loretta pepino, venerdì 5 febbraio 2016 alle17:29 ha scritto: rispondi »

vorrei chiedere un parere...soffro di ipotiroidismo ma non posso assumere eutirox perchè ho fibrillazione atraile e prendo coumadin. il mio omeopata mi ha consigliato gamma biofux gocce 10 il giorno ...mi fido e non mi fido...sono molto paurosa e ansiosa...pensate che possa assumere tranquilla visto che in questo preparato cè anche fucus vesciculosus 4 dh 1 ml ? grazie se potete rispondermi

Lascia un commento