Sarebbe pari ad almeno 500.000 tonnellate il risparmio di CO2 che l’utilizzo del treno avrebbe assicurato agli italiani nel 2010. I dati sono stati diffusi da Trenitalia in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa di Legambiente “Treno Verde” 2011 e dimostrerebbero come il treno sia il mezzo più vantaggioso non solo in termini di velocità e comfort, ma anche per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente.

Secondo FS, infatti, l’utilizzo della ferrovia garantirebbe, rispettivamente, la produzione del 70% e del 60% di gas serra in meno rispetto a chi viaggia in aereo o in automobile. Questi ottimi risultati sarebbero frutto anche del potenziamento della linea ad alta velocità, che ha visto un graduale incremento dei passeggeri e che permette, ad esempio, lo spostamento di oltre il 50% delle persone che si muovono fra Roma e Milano.

In particolare, FS indica che nel 2010 sulla tratta Roma-Milano l’incremento è stato del 24% mentre sulla Milano-Napoli di almeno il 23%. Il totale è di 20.000.000 di passeggeri che hanno preferito spostarsi con l’Alta Velocità di Trenitalia.

Da sottolineare infine l’ottima iniziativa del cosiddetto “biglietto verde”. Sul retro di ogni ticket i passeggeri possono infatti verificare il risparmio nelle emissioni di Co2 che il viaggio in treno ha garantito. Il calcolo è specifico per ciascuna tratta e, anche in questo caso, è basato sul confronto tra la Co2 emessa dai passeggeri che hanno scelto il treno e la quantità di Co2 che avrebbero emesso in caso di utilizzo dell’aereo o dell’auto (la documentazione è disponibile su Ecopassenger).

11 marzo 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento