Se davvero si desidera contrastare la piaga dello spreco alimentare, un’arma efficace può essere rappresentata dall’impiego di metodi innovativi per la conservazione del cibo, così da allungarne il ciclo vitale e ritardarne il deperimento. L’idea della startup californiana Apeel Sciences, con sede a Santa Barbara, ha proprio questo scopo: ecco Edipeel, la pellicola invisibile e completamente edibile per frutta e verdura.

=> Scopri la pellicola 100% bio dai gamberetti

È prodotta partendo da scarti vegetali e altri composti derivanti dalla catena dell’agricoltura biologica, dunque recuperando materiale che altrimenti sarebbe stato eliminato o destinato alla discarica. L’azienda ne estrae microelementi da combinare per dar vita a quello che può essere definito come una sorta di camuffamento, in grado di confondere parassiti e aggressori come batteri, insetti, funghi e muffe. Edipeel, inoltre, tiene sotto controllo l’ossidazione e la dispersione di acqua e gas, rallentando di conseguenza il processo di decomposizione di frutta e verdura. Il risultato è un periodo di conservazione prolungato di circa cinque volte.

La pellicola può essere applicata in più modi: tramite spray, immergendo il cibo in una soluzione liquida oppure tramite spennellatura, a seconda delle specifiche esigenze. La fase di test prenderà il via nei prossimi mesi, in collaborazione con una serie di coltivatori e produttori selezionati, per poi arrivare definitivamente sul mercato. La sua azione è quella visibile nel filmato in streaming qui sotto.

Oltre a Edipeel, Apeel Sciences ha in cantiere anche una seconda formula, da un certo punto di vista ancora più interessante: si chiama Invisipeel e può essere utilizzata ancor prima della raccolta, durante la crescita del prodotto, fungendo da barriera invisibile contro i parassiti e anche in questo caso composta al 100% da scarti vegetali e naturali. In altre parole, un’alternativa più sana ai tradizionali pesticidi che, oltre a respingere i parassiti, mettono a rischio l’integrità del cibo stesso.

26 gennaio 2017
Immagini:
Lascia un commento