Consumare le 5 porzioni di frutta e verdura così come raccomandato aiuta i fumatori a evitare le forme mortali di alcune patologie polmonari. A sostenerlo è uno studio appena pubblicato e condotto dai ricercatori svedesi del Karolinska Institute di Stoccolma, secondo i quali la riduzione del rischio arriverebbe fino al 40%.

I benefici di frutta e verdura per i fumatori non si fermerebbero qui considerato che, secondo gli esperti guidati dalla Dott.ssa Joanna Kaluza, per ogni ulteriore porzione oltre alle 5 raccomandate ridurrebbe il rischio di patologie polmonari ostruttive croniche di un ulteriore 8%.

=> Scopri come frutta e verdura aiutino a migliorare l’umore

Durante lo studio i ricercatori hanno analizzato, nell’arco di 14 anni a partire dal 1998, i profili di 44.335 uomini di mezza età. Due terzi di loro sono stati indicati al termine della ricerca come fumatori o ex fumatori. Primo passo è stato un questionario sulle abitudini alimentari, in particolare sulla frequenza di consumo di frutta e verdura.

Nel corso della ricerca sono state raccolte ulteriori informazioni cliniche e sono stati monitorati eventuali cambiamenti nella dieta. Al termine dello studio è stato riscontrato come 1.819 partecipanti avessero manifestato durante il periodo di studio una delle malattie incluse tra le patologie polmonari ostruttive croniche.

=> Frutta e verdura, leggi le 10 migliori per l’abbronzatura

Tra gli ex fumatori un elevato consumo di verdure a foglia verde sarebbe corrisposto a una riduzione del rischio del 34%. Merito degli antiossidanti contenuti nella frutta (soprattutto mele) e nei vegetali (verdure a foglia verde e peperoni in testa) secondo la Dott.ssa Kaluza, che ha dichiarato:

Tutti i fumatori e gli ex fumatori dovrebbero consumare quanto più frutta e verdura possibile. Ogni ulteriore porzione riduce in maniera significativa il rischio di sviluppare patologie polmonari ostruttive croniche.

Un elevato consumo di frutta e verdura non riduce soltanto le patologie polmonari croniche, ma anche il rischio di malattie cardiovascolari e tumorali, aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo e porta ulteriori benefici.

L’alimentazione si conferma senz’altro importante, spiega il Prof. Seif Shaheen della Queen Mary University di Londra, sebbene non sufficiente a mettere al riparo da possibili malattie polmonari mortali:

La cosa più importante che si possa fare per ridurre il rischio di sviluppare patologie polmonari croniche mortali è quella di non fumare / smettere di fumare.

21 marzo 2017
Lascia un commento