Mangiare 200 grammi di frutta e verdura in più ogni giorno per salvare 20 mila vite. Secondo uno studio pubblicato dall’Istituto Agroter, se gli italiani consumassero tale quantitativo extra di prodotti ortofrutticoli molti sarebbero gli aspetti positivi per la loro salute.

Gli italiani anziché i 503 grammi consigliati dall’OMS consumano in media 330 grammi di frutta e verdura al giorno. Secondo quanto pubblicato nel testo della ricerca:

L’ideale consumo di ortofrutta per una corretta alimentazione dovrebbe essere oltre i 500 grammi. Se il calo dei consumi negli ultimi 15 anni non fosse accaduto si sarebbero potuti risparmiare ben 3,4 miliardi di euro oltre a prevenire 52.000 potenziali decessi da patologie cardiovascolari.

Risparmi in termini economici che andrebbero ben oltre, proseguono i ricercatori, qualora si tornasse ai consumi di 15 anni fa (pari a circa 363 grammi/giorno) entro i prossimi 8:

Risparmi per le sole patologie cardiovascolari quantificabili in 3,3 miliardi di euro, mentre se si raggiungesse il traguardo più ambizioso, quello dei 503 grammi (+200 grammi) sempre nello stesso lasso di tempo, il risparmio sarebbe di ben 8,9 miliardi di euro.

Gli effetti positivi derivanti da un adeguato consumo di frutta e verdura interessano una varietà importante di aspetti della salute umana. Aiutano ad esempio, secondo i ricercatori della Warwick University, a proteggere il cervello da patologie come la depressione.

Consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno offrirebbero inoltre un aiuto contro le malattie croniche, secondo uno studio condotto presso l’Università di Adelaide. Anche l’ictus risulterebbe tra le patologie che potrebbero essere prevenute da una corretta alimentazione ricca di prodotti ortofrutticoli, come sostengono i ricercatori del Qingdao Municipal Hospital.

19 dicembre 2014
I vostri commenti
Angelo, sabato 20 dicembre 2014 alle20:45 ha scritto: rispondi »

E l'emoglobina glicata come varierebbe ?

Lascia un commento