Preparare una frittata spesso risolve l’incombenza del pranzo o della cena, garantendo un piatto saporito e molto ricco. Pietanza semplice e veloce, trova le sue fondamenta nella cultura popolare, perché facilmente realizzabile anche con pochi e mirati ingredienti di base. Nella preparazione classica non possono mancare le uova, da combinare con ingredienti veloci da cuocere e servire. Magari in tandem con le verdure, così poco amate dai bambini, ma che proposte in una variante vegetariana o vegana potranno ingolosirli e incuriosirli.

Con l’incedere dei tempi e la necessità di accontentare tutte le richieste, la frittata ha trovato casa anche nel mondo vegan. Ovviamente assenti i prodotti di origine animale, compresi i derivati, per una produzione alternativa ma non meno saporita. La giusta combinazione di proteine vegetariane, farine e spezie può garantire un ottimo risultato. Un prodotto sano ideale per il pranzo al lavoro, oppure per un pic-nic domenicale o come ricca farcitura del panino della gita.

Frittata vegetariana, la ricetta base

Frittata vegetariana

Fried zucchini fritters with dill on a plate via Shutterstock

Per realizzare una frittata vegetariana perfetta è importante procurarsi ingredienti freschi, quindi seguire con metodo la procedura di realizzazione. Facile sbagliare e ottenere un prodotto troppo basso oppure asciutto, troppo liquido o cotto nel modo sbagliato. Prima di tutto, importante trovare le uova che dovranno essere fresche, possibilmente non da allevamento in batteria ma biologiche, magari donate o acquistate presso un contadino di zona. Quindi olio extravergine d’oliva, pepe, sale, poi spezie, eventualmente formaggio e verdure a piacere. Sgusciate le uova in una terrina capiente quindi sbattetele con una forchetta oppure con una frusta (manuale oppure elettrica), aggiungete un pizzico di sale, pepe, eventualmente un ciuffo di prezzemolo precedentemente tritato. Se preferite un composto più morbido montate separatamente gli albumi a neve e aggiungeteli ai tuorli sbattuti, mescolando con lentezza dal basso verso l’alto. Se invece desiderate una frittata più delicata, inglobate un goccio di latte, anche di soia o di capra. Per arricchirla cuocete un soffritto di cipolla, quindi ammorbidite e versate una zucchina o carota tagliata a cubetti molto piccoli. Quando sarà cotta frullatela, oppure schiacciatela con la forchetta, amalgamatela alle uova per ottenere un composto uniforme.

Versate il tutto in una padella antiaderente con olio EVO caldo e lasciate cuocere a fuoco dolce per circa 8 minuti, coprite con un coperchio e muovete la padella per staccare la frittata dal fondo. Per girare il tutto premete il coperchio sulla padella, voltate entrambe e quando la frittata sarà adagiata sul coperchio e fatela scivolare nuovamente nella padella. Aiutatevi con una paletta e proseguite nella cottura. Ovviamente potete girare la frittata anche con l’aiuto di un piatto leggermente più grande della padella, così da impedire che cada. Ma anche cuocerla in forno versando una noce di margarina o di burro di soia in una tortiera, oppure un filo d’olio. Quindi aggiungendo il composto e infornando a 180° già preriscaldato. Cottura massima 15 o 20 minuti, a seconda del quantitativo di ingredienti utilizzati. Si sforna con facilità dallo stampo, meglio ancora quello di silicone, quindi si serve tiepida. Per gli ingredienti affidatevi al gusto personale, ottima ai piselli e formaggio, oppure un mix di erbe fresche come salvia, basilico, prezzemolo, timo e maggiorana. Golosa con cipolla, ricotta e spinaci.

Frittata vegan, trucchi e consigli

Se invece adorate la cucina vegan, potrete preparare ricette ancora più originali ma non certo meno golose. Per un’idea veloce procuratevi:

  • 2 patate;
  • maggiorana e prezzemolo;
  • 100 grammi di farina di ceci;
  • olio EVO, sale e pepe q.b;
  • poca acqua frizzante.

In una ciotola capiente versate la farina, l’olio, il sale e il pepe, quindi le erbe fresche tritate finemente amalgamando con l’acqua frizzante. Sbattete il tutto con una forchetta per creare un impasto morbido non troppo asciutto, quindi lasciate riposare. A parte sbucciate e affettate le patate, che potrete dorare in padella oppure lessare. Quando saranno pronte potrete unirle all’impasto, se bollite, oppure versare la crema in una pentola calda e appoggiarle sopra il composto. Cuocete la frittata coperta per 8 minuti, girandola come illustrato precedentemente, quindi completate la doratura per servirla morbida come una omelette e croccante.

In alternativa, potrete sostituire le erbe fresche con spezie profumate come la curcuma o il curry, quindi aggiungere all’impasto verdure rosolate o bollite in precedenza come asparagi, cipolla, zucchine, carote tagliate sottili. Per amalgamare e arricchire la frittata molto consigliato il latte di soia, formaggio vegan, tofu sbriciolato, anche un pizzico di bicarbonato per rendere il tutto più soffice. Ovviamente è possibile sbizzarrirsi variando la tipologia di farina, ad esempio di piselli, di lenticchie, ma anche di mais, cereali integrali, farro, miglio, grano saraceno, farina di banane, farina di soia, pane gratuggiato, tofu. Oppure aggiungendo il surrogato vegan per le uova ovvero l’Egg Replacer, acquistabile online e molto diffuso oltreoceano.

25 giugno 2014
Lascia un commento