Tra il 1995 e il 2003 ha prodotto, con la 106, il maggior numero di vetture a emissione zero. Forte di questa tradizione, per contrastare l’avanzata della concorrente Renault, Peugeot ribatte con lo iOn, realizzata in collaborazione con la Mitsubishi, che verrà messa in commercio a fine 2010.

Quattro porte, quattro posti, lunga 3,48 mt e con un raggio di sterzata di soli 4 metri e mezzo, la iOn sarà mossa da un motore elettrico da 64 CV e una coppia di 180 Nm che le consentirà una velocità massima di 130 kmh. Destinata all’uso prevalentemente cittadino si gioverà di batterie agli ioni di litio che le consentiranno una autonomia di 130 km.

La ricarica del pacco batterie si potrà fare utilizzando una normale presa di corrente a 220 V e verrà completata in sei ore, mentre con un sistema a carica rapida basteranno 30 minuti per ricaricare le batterie all’80%. E per non restare privi di energia per strada ci sarà a disposizione una centralina di localizzazione che permetterà non solo la chiamata di emergenza, ma anche il recupero dei dati (stato della batteria, chilometraggio ecc.) fondamentali per la gestione della vettura.

Con la Peugeot iOn si completa la strategia della casa francese, che è ora in grado di proporre risposte adeguate alle esigenze di mobilità urbana. Così i clienti della casa del Leone troveranno, dalla fine del 2010 delle risposte complementari all’interno della gamma, che comprenderà anche la 3008 HYbrid4 (dalla primavera 2011) oltre alla gamma di motori termici che consentono già oggi prestazioni significative nei rispettivi segmenti di mercato.

21 settembre 2009
Lascia un commento