Mangiare fragole aiuta ridurre il colesterolo cattivo nel sangue. A sostenere i benefici che questo piccolo agglomerato di frutti avrebbe sull’organismo umano un gruppo di ricercatori composto da esperti italiani dell’UNIPM (Università Politecnica delle Marche) e spagnoli dell’Università di Granada e dell’Università di Siviglia.

Ai 23 volontari inclusi nella ricerca sono stati fatti assumere 500 grammi di fragole ogni giorno come integrazione alla propria normale dieta, analizzandone i valori del sangue sia prima che al termine dello studio. La durata della ricerca è stata di un mese e i risultati finali sono stati pubblicati sul Journal of Nutritional Biochemistry.

Stando ai risultati presentati dalla squadra di ricerca la concentrazione nel sangue di colesterolo “cattivo” (LDL) è scesa del 13,72% mentre la presenza di trigliceridi del 20,8%. Ridotta anche la presenza totale del colesterolo dell’8,78% mentre non si sono registrate modifiche apprezzabili per quanto riguarda il colesterolo “buono” (HDL).

Mangiare fragole favorisce inoltre la concentrazione nel sangue di sostanze positive come la vitamina C, gli antiossidanti e lo stato di salute delle difese antiemolitiche. Secondo il Dr. Maurizio Battino, ricercatore presso l’Università Politecnica delle Marche e guida del progetto:

Questa è la prima volta che viene pubblicato uno studio a supporto del ruolo protettivo delle componenti bioattive presenti nelle fragole come barriera per indicatori conosciuti e fattori di rischio per malattie cardiovascolari.

Non è ben chiaro ancora cosa provochi questi effetti, ma tutti i segnali e gli studi epidemiologici puntano verso le antiocianine, i pigmenti vegetali che forniscono il tipico colore rosso alle fragole.

26 febbraio 2014
Fonte:
I vostri commenti
nicola, mercoledì 17 maggio 2017 alle23:37 ha scritto: rispondi »

vorrei sapere Assumento farmaci per la pressione alta e farmaci per colesterolo se si possono mangiare fragole

Enrico Rosati, giovedì 27 febbraio 2014 alle22:01 ha scritto: rispondi »

Internet ha consentito di valorizzare gli alimenti naturali e le loro proprieta' congenite. Per molto tempo non si poteva dire che i cavolo previene il cancro, le fragole riducono il colesterolo cattivo, prefengono le allergie e cosi' via. Finalmente la Fisica (Natura) e' tornata Regina su questa terra e ha declassato la Chimica (uomo) al proprio posto, con il limiti che conosciamo. Evviva! Continuiamo a parlarne finche' qualcuno riprovi a tapparci la bocca. Come fecero negli anni '80 col grande Dr. Norman Walker, che rimane il piu' illustre pioniere.

Lascia un commento