Le fragole possono rappresentare un aiuto naturale contro il tumore al seno. Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori italiani dell’Università Politecnica delle Marche, guidato dal Dott. Maurizio Battino, secondo cui questo piccolo agglomerato di frutti (le fragole sono a tutti gli effetti dei conocarpi) sarebbe in grado di contribuire ad arrestare la diffusione delle formazioni tumorali.

=> Leggi qualità e valori nutrizionali delle fragole

Lo studio sugli effetti delle fragole in relazione a formazioni tumorali al seno è stato condotto dagli studiosi italiani su topi femmine, divise in due gruppi: uno alimentato normalmente e un secondo al quale è stata somministrata una dieta composta per il 15% da estratto di fragole. Trascorso un mese sono state iniettate nei roditori delle cellule tumorali.

Secondo quanto affermato dai ricercatori si è assistito alla riduzione del peso e del volume del tumore al seno nei soggetti alimentati con estratto di fragole, le cui cellule sane risultavano più protette dalla malattia.

=> Scopri calorie e proprietà delle fragole

Una seconda parte dello studio ha previsto lo svolgimenti di test in vitro della relazione tra fragole (della varietà Alba) e tumore al seno. Le cellule cancerose sono state trattate con estratto a varie concentrazioni a distanza di 24, 48 e 72: col passare del tempo le cellule hanno manifestato una minore attività e tendenza alla mitosi.

Risultati che per il momento non sarebbero ancora direttamente associabili all’uomo, ma che pongono per futuri studi sugli effetti di questo conocarpo sul corpo umano. Cautamente ottimista al riguardo il Dott. Battino, autore dello studio pubblicato su Scientific Reports, che ha concluso:

Abbiamo mostrato per la prima volta che l’estratto di fragole, ricco di composti fenolici, inibisce la proliferazione delle cellule del tumore al seno in modelli in vitro e in vivo.

La maggior parte delle patologie sono complesse, come accade anche per i tumori, e coinvolgono interazioni complesse tra sistemi cellulari e molecolari che determinano lo sviluppo della malattia.

Questi risultati sono senza dubbio validi per comprendere i potenziali effetti della fragole sul tumore al seno e i meccanismi molecolari coinvolti, ma devono essere integrati da studi clini ed epidemiologici per verificare se gli esseri umani manifestino gli stessi effetti positivi osservati nei topi.

21 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento