Una nuova azienda entra a far parte del Comitato IFI (Impresa Fotovoltaica Italiana). Si tratta di Solar Green Energy Spa, espressione del made in Italy dell’energia solare. L’azienda, che produce moduli e celle utilizzati nel fotovoltaico, si aggiunge dunque all’elenco delle imprese appartenenti all’associazione, che riunisce circa l’80% dell’industria nazionale del settore.

>>Leggi le ultime dichiarazioni del Comitato IFI sull’andamento del fotovoltaico cinese

La Solar Green Energy ha avviato la propria attività nel 2010 e può contare, nello stabilimento produttivo di Burago di Molgora, in provincia Monza, su una linea di produzione altamente robotizzata della capacità di 50 MW annui. Oltre a moduli fotovoltaici ad alta efficienza, l’azienda realizza soluzioni innovative per l’energia solare. Commenta l’amministratore delegato Alessandro Sotgiu:

La scelta di aderire all’associazione è frutto della consapevolezza che è necessario ora più che mai che le industrie nazionali, di tutti i settori e nelle rinnovabili a maggior ragione, facciano sentire chiaramente la propria voce, ricordando alla nuova classe politica che anche in Italia si può e si deve investire nell’industria.

>>Leggi la guida ai gruppi di acquisto per il fotovoltaico

Soddisfazione per il nuovo “acquisto” è stata espressa da Alessandro Cremonesi, presidente del Comitato IFI che ha però sottolineato come nell’ultimo anno l’associazione abbia perso numerose adesioni a causa della crisi che ha colpito il settore fotovoltaico, costringendo alla chiusura molte realtà imprenditoriali. Ha dichiarato Cremonesi:

Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo perso, nostro e loro malgrado, numerosi associati che contavano oltre 500 posti di lavoro. E questo perché il contesto normativo del settore totalmente instabile e l’aggressione illegittima di pratiche anti competitive poste in essere dai produttori cinesi, ha costretto loro a cedere le armi. Tuttavia non abbiamo mai abbassato la guardia, né la abbasseremo, nel combattere per garantire un futuro sostenibile per le nostre industrie.

18 marzo 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento