L’energia solare diventerà la seconda fonte energetica degli Stati Uniti entro il 2040: a dirlo è l’Annual Energy Outlook 2014 della US Energy Information Administration (EIA), che spiega come, per quella data, il settore fotovoltaico sarà secondo solo al gas naturale.

Secondo il report, il tasso di generazione elettrica globale diminuirà gradualmente entro il 2040: in compenso, il solare coprirà buona parte della domanda di energia elettrica negli States.

L’agenzia prevede entro il 2040 351 GW di nuova capacità elettrica, di cui il 73% sarà coperto dal gas naturale, pari a 255 GW. Della quota totale di nuova energia, 83 GW sarà generata dalle fonti rinnovabili, con il solare a coprirne la gran parte, ovvero 39 GW.

Le analisi dell’Energy Information Administration rilevano come la capacità generativa fotovoltaica sia cresciuta annualmente, nel periodo 2000–2005, di 35 GW e, nel periodo 2006-2012, di 19 GW.

Secondo i numeri dell’agenzia, fino al 2016 il settore fotovoltaico aggiungerà 16 GW di potenzia in media, nel 2022 la quota annua scenderà a circa 9 GW, mentre fra il 2025 e il 2040, risalirà a 14 GW. Rhone Resch, amministratore delegato della Solar Energy Industries Association, ha commentato così la notizia:

L’energia solare è la fonte rinnovabile che, attualmente, cresce in modo più rapido: questa espansione creerà, a livello nazionale, migliaia di nuovi posti di lavoro, contribuirà a ridurre in modo significativo l’inquinamento e darà aria fresca all’economia degli States.

Gli analisti spiegano, inoltre, che sarà il segmento del solare residenziale a trainare le nuove installazioni: il 60% dei 39 GW previsti verrà dagli impianti sui tetti. Rhone Resch, ha concluso:

Altrettanto importante, in futuro, sarà fornire agli americani la libertà di decidere come alimentare le proprie case, le imprese, le scuole e le strutture pubbliche. Se davvero il 60% di tutti i nuovi impianti fotovoltaici nei prossimi anni saranno residenziali, questo porterà a una notevole riduzione dei costi energetici.

18 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento