La produzione di moduli fotovoltaici si avvia a sfiorare il traguardo dei 50 GW nel 2014, secondo l’ultima relazione trimestrale della società di ricerche NPD Solarbuzz PV Equipment. Gli analisti sostengono, in particolare, che la domanda mondiale finale raggiungerà un livello di almeno 45 GW entro il 2014, per poi arrivare forse a 55 GW l’anno successivo.

Cifre che sottolineano una significativa ripresa del settore fotovoltaico, dopo due anni di sovraccapacità. Anzi, gli esperti ipotizzano una difficoltà di approvvigionamento per il resto dell’anno in corso, che si risolverà proprio con l’aumento di produttività dei prossimi anni. Commenta Finlay Colville, vicepresidente di NPD Solarbuzz:

Mentre ci saranno inevitabilmente problemi di approvvigionamento a breve termine durante tutto l’anno, la disponibilità di polisilicio e wafer dovrebbe tornare sufficiente quando la produttività dei moduli arriverà a 45 o 50 GW nel 2014.

Sempre secondo NPD Solarbuzz, inoltre, i moduli standard al silicio policristallino di tipo p rimarranno la principale tecnologia solare fotovoltaica anche l’anno prossimo, rappresentando il 35% della produzione totale del 2014.

Tuttavia, osservano gli analisti, molti produttori stanno investendo risorse sempre più consistenti in ricerca e sviluppo. Brutte notizie, invece, per il film sottile, destinato a continuare a perdere quote di mercato, passando dal 9,4% nel 2013 al 8,9% nel 2014.

Quanto alla produzione, gli investimenti in nuovi impianti per il film sottile sono in calo da otto anni, ma si prevede un aumento significativo nel 2015, grazie soprattutto all’ingresso sul mercato di nuovi operatori. Secondo la società di ricerche di mercato, i due principali fornitori di film sottile, Solar Frontier e First Solar, produrranno quasi l’85% di tutti i moduli a film sottile nel 2014.

25 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento