L’installazione di pannelli solari sul tetto è una delle soluzioni migliori per produrre energia pulita a km zero e a basso costo senza occupare nuovo suolo. Grazie a un nuovo impianto fotovoltaico sviluppato dalla compagnia americana SolarCity i pannelli solari installati sul tetto potranno essere ancora più produttivi e competitivi.

L’azienda nei giorni scorsi ha annunciato di aver prodotto un pannello solare per gli impianti residenziali più efficiente di qualsiasi altra tecnologia disponibile sul mercato. Il presidente di SolarCity Elon Musk ha spiegato che si tratta del pannello solare più avanzato del mondo.

Il nuovo pannello solare di SolarCity riesce a raggiungere un livello di efficienza del 22,04%. L’impianto fotovoltaico ha la stessa taglia di quelli tradizionali, ma riesce a produrre fino al 30-40% di energia in più permettendo ai consumatori di recuperare in tempi brevi l’investimento iniziale.

La compagnia spiega che attualmente esistono delle tecnologie solari con un livello di efficienza superiore al 22% ma non sono idonee per l’installazione sui tetti. Al contrario il nuovo pannello solare di SolarCity si presta a una facile integrazione negli impianti fotovoltaici residenziali ed è in grado di resistere alle alte temperature senza perdere efficienza.

I pannelli fotovoltaici utilizzati negli impianti domestici oggi hanno un’efficienza compresa tra l’11 e il 17%, soglia ampiamente superata dalla nuova tecnologia di SolarCity. Il nuovo pannello verrà prodotto nello stabilimento di Buffalo, nello Stato di New York, utilizzando un metodo produttivo innovativo a basso costo. Secondo le stime dell’azienda una volta entrata a pieno regime la fabbrica produrrà ogni giorno dai 9 mila ai 10 mila pannelli solari, riducendo la dipendenza dall’importazione di componenti fotovoltaiche.

Le unità fotovoltaiche più efficienti verranno realizzate agli stessi costi delle tecnologie tradizionali, permettendo all’azienda di offrire ai consumatori pannelli di ultima generazione economici.

I primi pannelli solari superefficienti verranno prodotti in un impianto pilota di Freemont, in California. L’azienda testerà le prestazioni degli impianti su tetti con spazi ristretti per ottimizzare la produzione di energia laddove non è possibile installare tanti pannelli fotovoltaici.

I nuovi pannelli saranno installati gratuitamente come previsto dall’offerta di SolarCity e riusciranno a coprire fino all’80% dei consumi domestici. Entro il 2017 la compagnia punta ad abbassare i costi dagli attuali 2,90 dollari a 2,50 dollari per watt. In futuro, secondo le stime della compagnia, anche senza incentivi governativi il costo potrebbe abbassarsi ulteriormente a quota 2,30 dollari per watt, rendendo il mercato solare americano più competitivo.

5 ottobre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Umberto, lunedì 5 ottobre 2015 alle16:47 ha scritto: rispondi »

Si giura in verba magistri, perchè non viene riportato alcun elemento che giustifichi la maggior efficienza. Un nuovo sale di silicio? di Gallio? una nuova tecnica di film sottile? una variazione dell'assorbanza del film? Un minimo di giustificazione ci vorrebbe....

Lascia un commento