Il GSE ha reso note le nuove Regole Tecniche per il calcolo dei contributi riguardanti il regime di scambio sul posto. Com’è noto, si utilizza questa dicitura per definire il rapporto fra il piccolo produttore energetico (tramite pannelli solari) e il Gestore, qualora il primo da un lato venda l’energia che non consuma direttamente, dall’altro acquisti energia per i momenti in cui non ne produce o quella che produce non si riveli sufficiente. Tramite conguaglio (o tramite attribuzione di un credito al mini-produttore) viene poi colmata al differenza fra energia venduta ed energia acquistata.

Le nuove regole hanno la forma di un documento di ben 35 pagine. Lo stesso GSE si è comunque premunito di informare che:

Le principali novità introdotte riguardano:

  • i flussi informativi: è stato eliminato il flusso informativo proveniente dalle società di vendita in quanto il contributo in conto scambio è erogato a partire dalle informazioni trasmesse esclusivamente dai gestori di rete (anagrafica degli impianti di produzione e consumo, misure di energia elettrica immessa e prelevata);
  • la standardizzazione del corrispettivo unitario in conto scambio: il corrispettivo viene determinato e pubblicato annualmente dall’Autorità;
  • il contributo in conto scambio da erogare in acconto: i parametri per la determinazione dell’acconto per l’anno 2013 sono stati rivisti alla luce dell’analisi svolta sui dati storici relativi ai profili di scambio;


>>Scopri tutto sul fotovoltaico con la nostra guida

Inoltre, va precisato come le nuove Regole Tecniche siano applicate con decorrenza 2013.

Lo scambio sul posto resta una possibilità molto interessante per chiunque decida di investire sul fotovoltaico domestico, posto, ovviamente, che la valutazione economica va fatta caso per caso e va svolta da professionisti. Questo cambio di regole non sembra alterare questa situazione. Il documento ufficiale con le regole del GSE è scaricabile a questo link.

11 luglio 2013
Fonte:
GSE
I vostri commenti
kikko, sabato 19 aprile 2014 alle7:54 ha scritto: rispondi »

Ma nessuno si è ancora accorto che durante le irrorazioni chimiche il rendimento degli impianti fotovoltaici scende del 40%......a che servono questi impianti se continuano a filtrare il sole... È strano che voi che lavorate sui tetti tutti i giorni non vi siate accorti di tale fenomeno. ... Per garantire gli stessi risultati gli impianti dovrebbero essere almeno due volte quello che sono adesso......

Elettricolore, mercoledì 13 novembre 2013 alle12:18 ha scritto: rispondi »

In questo caso si applica l'SSP (scambio sul posto), cioè tutta l'energia che prelievi dal contatore nel momento in qui l'impianto non produce devi pagarla al fornitore di energia in quanto ti offre un servizio, su questa energia (acquistata a circa 0,20 €) fino ad arrivare a tutta quella immessa in rete ti viene rimborsato dal GSE 0,10 €. Considesa anche la possibilità di batterie di accumulo, possono aiutarti

ATTILIO, domenica 20 ottobre 2013 alle20:14 ha scritto: rispondi »

ciao con lo scambio sul posto e avedo fatto ladetrazione del50% posso istallare le batterie di accumolo grazie

Melillo Savino, domenica 20 ottobre 2013 alle8:16 ha scritto: rispondi »

Ho applicato i fotovoltaici con lo scambio sul posto,nel giugno 2008,vorrei sapere,la mia posizione con gli incentivi gse se è cambiata,in base al contratto stipulato allora e se è cambiata in che modo.Distinti saluti Melillo Savino.

Marco, sabato 12 ottobre 2013 alle9:34 ha scritto: rispondi »

sono interessato a installare un impianto fotovoltaico , Ritenete sempre conveniente l'investimento adesso che il 5' conto energia è terminato ? siete a conoscenza se in un prossimo futuro verrà prospettato un 6° conto energia ? attualmente , con lo scambio sul posto , io immetterei in rete l'energia in eccesso (non utilizzata ) e la preleverei gratuitamente quando l'impianto non produce ? ci sarebbero delle compensazioni da calcolare ? esempio : la immetto in rete a un valore di 10 e la riacquisto a 20 ? ritenete che attualmente l'unico vantaggio sia la detrazione fiscale ? (oltre al prezzo dei pannelli che è lievemente sceso)

Lascia un commento