Con un nuovo parco per la produzione di energia “green”, Nissan conferma e rincorza la propria mission di azienda ecosostenibile. In queste ore, comunicano i vertici Nissan Europe, gli impianti di Sunderland (centro europeo di produzione di Nissan Leaf e delle batterie per la sua alimentazione) si avvalgono di un parco solare costituito da 19.000 pannelli fotovoltaici, in grado di produrre a pieno regime energia elettrica per 4,75 MW.

Il complesso fotovoltaico di Sunderland si trova all’interno della pista destinata al collaudo dei veicoli prodotti dalle linee di montaggio britanniche, ed è stato sviluppato e installato dalla consociata European Energy Photovoltaics, con l’obiettivo di produrre energia che sarà interamente sfruttata da Nissan.

Per il marchio giapponese e per lo stabilimento di Sunderland, inaugurato giusto trent’anni fa, si tratta del completamento di un percorso di graduale ecosostenibilità avviato nel 2005 attraverso l’integrazione di sorgenti di energia rinnovabile con l’installazione della prima turbina eolica.

Ora il nuovo parco solare si integra con dieci turbine, per una potenza complessiva di 6,6 MW, che in aggiunta ai 4,75 del parco fotovoltaico consentono di elevare a 11,75 MW il totale dell’energia rinnovabile per gli impianti Nissan di oltremanica: dati alla mano, indica Nissan, questa capacità riesce a coprire il 7% del fabbisogno energetico dello stabilimento, sufficienti alla produzione dell’equivalente di 31.374 veicoli.

Ad oggi gli impianti Nissan di Sunderland rappresentano il maggiore insediamento produttivo automotive di tutti i tempi in Gran Bretagna: la forza lavoro si compone di quasi 40.000 unità, distribuite in tutti i settori della filiera: dal design all’engineering, dalla produzione alla distribuzione di ricambi, alla vendita alle strategie di marketing, fino allo sviluppo della rete commerciale.

Per l’immediato futuro i traguardi Nissan, rivolti alla mobilità sostenibile e a una nuova generazione di veicoli elettrici e di tecnologia delle batterie, si articoleranno anche su un esperimento “Vehicle – to – Grid” (programma sviluppato insieme ad Enel per l’alimentazione della rete nazionale inglese con una sorgente di energia efficiente e versatile) e su ”xStorage”, un nuovo sistema residenziale di stoccaggio (avviato in partnership con Eaton) che permetterà una “seconda vita” alle batterie e offrirà ai clienti una soluzione di stoccaggio di energia totalmente integrata che metterà nuovamente nelle mani del consumatore la gestione dell’energia e la sua distribuzione.

2 giugno 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento