Il mercato mondiale dei micro inverter e degli ottimizzatori di potenza per il fotovoltaico triplicherà, come minimo, nei prossimi anni, superando il miliardo di dollari nel 2018. Lo sostengono gli analisti di IHS Technology, precisando che il giro di affari del settore aumenterà a un tasso di crescita annuo del 27%.

Spiega Cormac Gilligan, analista senior per gli inverter solari a IHS

Il mercato è cresciuto fino a più di 300 milioni di dollari in termini di dimensioni, nonostante la continua pressione sui prezzi dovuta alle nuove aziende in ingresso nel settore e al calo generale dei costi del fotovoltaico.

A guidare l’aumento della domanda di microinverter e ottimizzatori di potenza finora sono stati soprattutto mercati come gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia. Nei prossimi anni, spiegano gli esperti, altri paesi europei, a cominciare da Germania e Francia, favoriranno la crescita ulteriore del settore, ma anche i mercati asiatici come Cina e Giappone avranno un ruolo chiave.

Secondo il rapporto di IHS, comunque, gli Stati Uniti detengono la leadership nel mercato dei microinverter, con i sistemi residenziali a fare la parte del leone. Nei prossimi anni, invece, sarà l’aumento delle installazioni nel settore commerciale a permettere agli USA di mantenere il primato su scala mondiale.

Gli Stati Uniti, inoltre, rappresentano uno dei mercati in più rapida crescita per gli ottimizzatori di potenza, con vendite in aumento del 160% nel 2014. Tutti i principali fornitori, tra cui SolarEdge, Tigo e Ampt, prevedono tra l’altro di aumentare le consegne nei prossimi anni. Parlando di cifre, i ricercatori IHS stimano che le consegne totali dovrebbero salire a 6,6 GW di potenza complessiva nel 2018.

Sempre per quanto riguarda gli ottimizzatori, inoltre, in Giappone il tasso di penetrazione aumenterà notevolmente fino a raggiungere il 7% degli impianti totali nel 2018. Inoltre, la nipponica Japan Electrical Safety & Environment Technology Laboratories (JET) otterrà presto la certificazione che consente di inviare micro inverter sul mercato residenziale, aumentando ulteriormente il bacino di utenti potenziali.

Un peso importante lo avranno anche aziende come Kaco e Delta, che hanno rilasciato da poco nuovi modelli di micro inverter e che continueranno a espandere e diversificare il proprio portafoglio di prodotti.

Aggiunge Gilligan :

Fino ad oggi, i fornitori di inverter tradizionali sono stati cauti nell’ingresso nel settore dei microinverter. Ma ora il mercato è maturato, e un numero crescente di aziende si è inserito con l’acquisizione di un fornitore di microinverter o progettando in-house.

19 settembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento