A fine 2012 verrà confermata la previsione, negativa, di soli 30 GW di fotovoltaico installati a livello globale nell’anno in corso ma il 2013 potrebbe essere leggermente meno grave del previsto. Secondo l’ultimo rapporto di IHS iSuppli, infatti, tutte le caratteristiche del mercato che attualmente stanno causando la crisi del fotovoltaico (eccesso di produzione, scarsa domanda, prezzi di vendita in picchiata) continueranno a esserci anche nel 2013, ma l’anno prossimo le installazioni saranno ancora in leggera crescita.

Già l’ultimo trimestre del 2012 si chiuderà con una risalita delle installazioni di fotovoltaico nel mondo, grazie alla Germania che ancora tiene e al mercato domestico cinese, e lo stesso avverrà nel primo trimestre 2013 quando verranno installati circa 6,5-7 GW. Dal secondo in poi, però, le installazioni saranno più o meno le stesse del secondo trimestre 2012, cioè più o meno 8-8,5 GW.

Installazioni fotovoltaico 2012 2013

IHS prevede poi che entro la metà del 2013 molti dei produttori cinesi di piccola e media dimensione di celle e moduli dichiareranno bancarotta. I prezzi continueranno a scendere in tutta la catena produttiva: dal polysilicon che sarà stabilmente sotto i 20 dollari al chilo alle celle che arriveranno a una media di 60 centesimi di dollaro al Watt per i prodotti cinesi in silicio monocristallino. Il calo dei prezzi, tuttavia, farà bene alla domanda che risalirà prima del previsto con un piccolo picco previsto tra primo e secondo trimestre 2013.

Secondo iSuppli, infine, è improbabile che la disputa anti dumping tra Europa e Cina porti a reali dazi da parte della prima sulle celle prodotte dalla seconda. Questo perché nell’indagine europea verrà tenuto conto dell’interesse pubblico e imporre dazi al fotovoltaico cinese comporterebbe una crescita dei prezzi e un conseguente ulteriore calo della domanda.

31 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento