Nessun miracolo, ma dodici mesi di assestamento del mercato. È la previsione di IMS-IHS Research sulle vendite di fotovoltaico a livello globale nel 2013, in base ai volumi del 2012 che come sappiamo ormai tutti è stato un anno di crisi che ha visto la chiusura di centinaia di stabilimenti produttivi a causa della sovrapproduzione.

IMS parte dal penultimo trimestre 2012 e non esita a definirlo “disastroso”: bassissimo tasso di utilizzo delle fabbriche, molti stabilimenti in stand by, gli altri attivi al 50% in media. L’ultimo trimestre, però, ha fatto registrare una risalita delle vendite notevole con tanto di record di 11 GW di potenza venduti. Ma, avverte IMS, non c’è tanto da stare allegri:

Nonostante il segnale positivo la situazione globale dell’industria fotovoltaica rimane critica e un effettivo riequilibrio della bilancia tra domanda e offerta non è previsto prima della seconda metà del 2013.

In effetti il 2012 è stato un anno di sali e scendi per il fotovoltaico: dopo un primo trimestre durante il quale le vendite hanno sfiorato i 7 GW, nel secondo si è ottenuto un picco di 7,8 GW per poi scendere, nel terzo trimestre, nuovamente intorno ai 7,5. In questa situazione tutti gli attori della filiera (venditori, intermediari e produttori) hanno dovuto ridimensionare le proprie scorte di magazzino per evitare di essere travolti dai prezzi sempre in discesa.

Leggi le previsioni sull’andamento dei prezzi per il fotovoltaico

Nel terzo trimestre 2012, ad esempio, la produzione media di moduli è scesa al 49% della capacità effettiva degli stabilimenti, quella delle celle al 56% e quella del silicio al 63%. Nel frattempo i prezzi scendevano e i ricavi hanno toccato il picco negativo di 6 miliardi di dollari. Il valore più basso dal secondo trimestre 2009. Poi c’è stato un rimbalzo, come spiega l’analista di IHS Stefan de Haan:

Nel quarto trimestre del 2012 il mercato globale del fotovoltaico è rimbalzato notevolmente. Una domanda molto forte proveniente dall’Asia, specialmente da Cina e Giappone, ha aiutato a compensare la domanda calante dell’Europa. IHS prevede che le installazioni globali del quarto trimestre 2012 sono state di 10,1 GW. In totale le vendite globali di moduli sono stimate per il quarto trimestre in 11 GW.

Ma ora si deve guardare al 2013. Secondo IMS-IHS il primo trimestre sarà molto simile a quello dell’anno precedente con circa 6,7 GW venduti, prezzi che scenderanno di un altro 4-5% e ricavi nuovamente a picco. In questo trimestre è assai probabile che altri produttori usciranno definitivamente dal mercato.

>>Leggi le previsioni IMS per il fotovoltaico relative al 2013

La parte buona del 2013 sarà la seconda e, a fine anno, si prevedono installazioni complessive per 35 GW con una crescita del 10% rispetto al 2012. De Hann è cautamente ottimista:

Anche se è ancora presto per dare il “cessato allarme” all’industria fotovoltaica, ci sono crescenti segnali che il 2013 sarà un anno di svolta

22 gennaio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento