Nonostante la presentazione ufficiale avverrà giovedì a Milano, sono stati diffusi oggi i primi dati raccolti in occasione della terza edizione del Solar Energy Report, realizzato dall’Energy & strategy group della School of Management del Politecnico di Milano. I dati sono davvero confortanti e mostrano un paese in cui lo sfruttamento dell’energia solare si conferma uno dei pochi settori in grado di trainare l’economia del paese.

Secondo il rapporto, in Italia opererebbero attualmente circa 2.000 imprese che, considerando tutti gli operatori del settore, sarebbero in grado di assicurare un totale di 50.000 posti di lavoro.

Il dato davvero sorprendente è rappresentato comunque dalla potenza fotovoltaica installata in Italia. Secondo il Solar Energy Report nel 2010 sarebbe stata raggiunta la soglia dei 2.100 MW, una potenza seconda solo alla Germania, con un incremento pari a circa il 192% rispetto all’anno precedente e al 520% rispetto al 2008.

Questo incremento ha influenzato positivamente il fatturato dei produttori di celle e moduli, che hanno registrato guadagni pari a 3,2 miliardi di euro (+ 125%), e dei produttori di silicio e wafer, che hanno raggiunto il record dei 1,4 miliardi di euro (+ 37%).

In aumento, infine, anche l’esportazione, soprattutto verso Francia, Israele, Germania e Grecia, anche in questo caso in caso di assicurare un trend positivo pari al 55% rispetto al 2010, in aumento quindi rispetto 40% del 2009.

Unica nota dolente rimane comunque la presenza straniera nel campo del fotovoltaico. Secondo il rapporto, il 94% delle aziende che si occupano della lavorazione del silicio è ancora sotto il controllo delle società straniere, soprattutto tedesche, e lo stesso vale per almeno il 50% delle fabbriche specializzate nella produzione di celle, moduli e di altri componenti.

4 aprile 2011
Lascia un commento