IHS rivede le sue previsioni per il settore del fotovoltaico: secondo la società di analisi e ricerca, la domanda nel settore solare potrebbe toccare i 47 GW entro il 2014. Non solo, spiegano gli analisti di IHS, un nuovo di ciclo di espansione per l’intero settore sarebbe all’orizzonte.

Le precedenti previsioni di IHS per 2014 parlavano di una quota fra i 40 e i 45 GW, più bassa rispetto a quelle pubblicate da società di analisi come NPD Solarbuzz, dalla Deutsche Bank o da Yingli.

Dopo aver ritoccato le stime per l’anno in corso, IHS prevede aumento sostanziale della domanda nei prossimi quattro anni: a livello globale, secondo i ricercatori la domanda di fotovoltaico potrebbe superare i 70 GW annui entro il 2018. Previsioni in linea con quelle dell’European Photovoltaic Industry Association che, a Intersolar Europe, aveva parlato di 69 GW entro il 2018.

Jessica Jin, analista di IHS, ha spiegato:

La flessione del settore, avvenuta nel primo trimestre del 2014, è stata causata anche dal lento avvio della produzione cinese. Tuttavia, si prevede che la produzione guadagni un maggiore slancio nel secondo semestre dell’anno, trainata principalmente dalla crescita in Cina, Giappone, Stati Uniti e Regno Unito: una crescita che andrà a compensare i cali dei mercati tradizionali come la Germania, l’Italia e la Grecia.

La società prevede quindi una ripresa della produzione dei wafer, rallentata fortemente negli ultimi tre anni, fino a raggiungere una capacità di 28 GW entro il 2018: inoltre, molti produttori riusciranno a massimizzare la produzione dei propri impianti, anche grazie ai recenti sforzi fatti nel settore della ricerca e dell’innovazione.

Secondo gli analisti di IHS, i grandi produttori fotovoltaici avranno così capitali sufficienti per preparare una seconda fase di espansione del mercato, più sostenibile: le innovazioni permetteranno inoltre una contrazione dei prezzi più veloce.

Jin ha concluso:

Gli sforzi dei settori di ricerca e sviluppo dei principali produttori guideranno il calo dei costi di produzione a monte della filiera fotovoltaica. Pertanto, IHS prevede che il margine medio lordo dell’intero settore rimanga stabile sulle due cifre.

23 giugno 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento