Verrà inaugurata il 20 luglio a Bari la sede italiana di SENEC. L’azienda è conosciuta a livello internazionale e in Germania ha saputo attestarsi ai vertici in un mercato competitivo come quello del fotovoltaico tedesco.

=> Scopri le novità su fotovoltaico e accumulo in arrivo a Key Energy 2017

Fotovoltaico e sistemi di accumulo che sono stati indicati proprio nelle ultime ore da Gianni Silvestrini, direttore scientifico Key Energy, come il futuro dell’energia mondiale. Importante la scelta di Bari per la realizzazione della sede italiana secondo l’Ing. Andrea Cristini, a capo di Greenergy e direttore della filiale:

Sono fiero che Bari sia stata scelta per ospitare un’azienda di calibro internazionale come SENEC. I sistemi di accumulo rappresentano il futuro dell’energia ed il loro mercato in Italia ha grandi potenzialità di crescita. Secondo il quotidiano La Repubblica, il comparto avrà un valore di 1,3 miliardi entro il 2020.

Grazie a questo settore, che offre la possibilità di sfruttare al 100% l’energia solare autoprodotta e diventare indipendenti dalla rete elettrica, tutto il fotovoltaico italiano può ricevere l’impulso per un nuovo sviluppo. Uno sviluppo che sono felice possa ripartire dalla Puglia.

=> Acqua futuro dei sistemi di accumulo per rinnovabili, scopri perché

I primi passi in Italia SENEC li ha compiuti a fine 2016, quando a ottobre si è svolto il “Tour dell’Indipendenza”, una serie di eventi di presentazione degli accumulatori agli installatori: raggiunti durante gli incontri 10 città italiane e oltre 350 operatori.

Ora la filiale di Bari offrirà nuove opportunità di sviluppo per il mercato italiano, dove si punterà tra gli altri sugli accumulatori SENEC.Home, sistemi in AC all-in-one – modulari da 2,5 fino a 10 kWh. Come ha concluso lo stesso Cristini:

Vogliamo dare agli installatori non solo la qualità di un prodotto made-in-Germany, progettato specificatamente per semplificare il loro lavoro di installazione, ma anche un supporto rapido ed efficace alle loro necessità. Credo che questo sia fondamentale per costruire delle collaborazioni durature nel tempo.

12 luglio 2017
Lascia un commento