La produzione distribuita di energia rinnovabile è destinata crescere nei prossimi cinque anni: sono le stime di Global Data, che spiega come il fotovoltaico guiderà l’intero settore che, entro il 2019, potrebbe raggiungere i 389 GW. Secondo il report, a fine 2013 la produzione di energia distribuita era pari, a livello globale, a 190 GW: di questi, il 48% è coperto dal fotovoltaico, ovvero 92 GW.

Il mercato mondiale valeva nel 2013 74,8 miliardi di dollari: il 77% degli investimenti totali del settore sono andati al fotovoltaico distribuito. Gli investimenti nel solare termico, invece, sono stati il 28% del totale, mentre l’energia eolica ha ricevuto il 13% delle risorse del 2013.

Secondo le previsioni di Global Data, l’Europa rallenterà nei prossimi anni, perdendo la posizione dominante sul mercato: contemporaneamente, crescerà la domanda di energia rinnovabile distribuita da parte dei Paesi asiatici. Ankit Mathur, responsabile delle ricerche sul settore delle rinnovabili per Global Data, ha spiegato:

L’Europa detiene ora un’impressionante quota della capacità fotovoltaica distribuita a livello globale, ovvero il 66%. Tuttavia, a seguito della crisi finanziaria del 2009 e dei recenti vincoli di bilancio imposti in vari Paesi, la maggior parte dei mercati fotovoltaici europei hanno ridotto le forme di incentivazione. Prevediamo pertanto che la posizione europea, entro il 2019, sarà occupata dai paesi APAC.

Fra cinque anni, secondo gli analisti di Global Data, il mercato globale dell’energia distribuita sarà ancora dominato dal fotovoltaico, che concorrerà al totale con 114 milioni dollari di investimenti.

Inoltre, Global Data prevede che la generazione fotovoltaica distribuita nella regione APAC, ovvero la zona Asia Pacifico, raggiunga 89 GW totali, con Cina e Giappone a trainare l’area entro il 2019. Mathur ha concluso:

Gli sforzi dei Paesi asiatici aumenterà la capacità fotovoltaica distribuita e, di conseguenza, ridurrà il carico sulla rete, evitando al contempo le perdite di trasmissione. Inoltre, consentirà anche per l’elettrificazione delle zone rurali, cosa che dovrebbe essere una priorità importante per la maggior parte dei governi di tutto il mondo.

16 luglio 2014
Fonte:
Lascia un commento